17 Settembre Set 2012 0841 17 settembre 2012

Le ragioni di Marchionne, secondo Alessandro Penati

Le ragioni di Marchionne, secondo Alessandro Penati

Marchionne

Perché Marchionne, considerato un eroe a Detroit, è odiato in Italia? In questo editoriale pubblicato dal quotidiano La Repubblica, scelto per voi, Alessandro Penati spiega le ragioni per cui sta dalla parte dell’amministratore delegato di Fiat: «Ha creato valore per tutti gli azionisti, di controllo e risparmiatori. In Italia, caso più unico che raro. E lo ha fatto con un gruppo sull’orlo del fallimento, in un settore tra i più aperti alla concorrenza globale», scrive Penati, ordinario di Finanza aziendale alla Cattolica di Milano. Che aggiunge: «Convocare Marchionne non serve. Servirebbe invece che lo Stato sostenesse una rapida ristrutturazione delle attività produttive del gruppo in Italia». Leggi il resto cliccando QUI

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook