4 Novembre Nov 2012 1654 04 novembre 2012

De Benedetti, via Rasella e i meriti di Marchionne

De Benedetti, via Rasella e i meriti di Marchionne

Default

La battuta, in fondo, era venuta in mente a tutti, anche a quelli più ostinatamente dalla parte di Sergio Marchionne. Ovviamente, e giustamente, però, nessuno l’ha pronunciata. Nessuno ha osato paragonare la decisione dell’ad della Fiat di mettere in mobilità 19 operai dopo il reintegro “giudiziario” di altri 19 a quel che accadde a Roma, in via Rasella. Ebbene, il muro è caduto oggi. E lo ha abbattuto un industriale, Carlo De Benedetti. Esagerando non poco.

Diciamo che un merito va sicuramente ascritto a Marchionne, ha fatto emergere in maniera clamorosa l’ipocrisia di gran perte del capitalismo nostrano. In questi giorni vi abbiamo offerto tanti punti di vista sul tema: dall’Ichino intervistato dal Foglio al Guerra che ha parlato col Corsera, a Massimo Cacciari che ha detto cose molte intelligenti a noi de Linkiesta. Oltre alle frasi del ministro Passera, il primo a parlare. 

È difficile avere un’idea netta in merito. Ci sono gli eccessi del manager, c’è la solita magistratura, c’è un sindacato che si ostina a non voler capire che il mondo è cambiato. E ci sono anche i presunti giganti del capitalismo italiano che talvolta si rendono ridicoli con frasi che forse neppure un operaio pronuncerebbe. Ecco, di questo va ringraziato Marchionne. Senza dubbio. 

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook