25 Gennaio Gen 2013 1150 25 gennaio 2013

I pm milanesi: “Con i derivati si arricchivano i dirigenti Mps”

I pm milanesi: “Con i derivati si arricchivano i dirigenti Mps”

Rocca Salimbeni

Parte da Milano la tempesta giudiziaria che si è abbattutta su Monte dei Paschi. I primi ad accorgersi delle anomalie dell'operazione Alexandria, il derivato siglato dal Monte con la banca giapponese Nomura, erano stati i pm milanesi Francesco Greco e Giordano Baggio. Ma non hanno potuto approfondire l'intricata vicenda perchè la competenza gli è subito apparsa, senza alcun dubbio, della Procura di Siena, città dove ha sede la banca.

Siamo alla fine del 2012 quando, riferisce una fonte investigativa, i pubblici ministeri di Milano hanno tra le mani un'indagine bollente che riguarda "creste fatte da funzionari sui derivati con arricchimento di personaggi di spicco della banca e con un notevole giro di denaro". I reati ipotizzati dai pm erano truffa e appropriazione indebita. L'indagine però è rimasta allo stadio embrionale: dopo i primi accertamenti Greco e Baggio hanno chiamato i colleghi della città del Palio a Milano e, dopo un incontro cordiale, si è deciso di spedire tutti gli atti a Siena.

Il contratto Mps -Nomura avrebbe imposto una correzione nel bilancio di Mps di 220 milioni di euro. L’operazione Alexandria sarebbe servita a Rocca Salimbeni per abbellire i conti del 2009 scaricando su Nomura le perdite di un derivato basato su rischiosi mutui ipotecari che poi i giapponesi avrebbero riversato sul Monte attraverso un contratto ‘segreto’ a lungo termine, non trasmesso dall’allora vertice di Mps, guidato da Giuseppe Mussari e Antonio Vigni, ai revisori dei conti Kpmg e a Bankitalia.

Stando a quanto riportato oggi dal Fatto quotidiano, l'ad di Mps Fabrizio Viola ha scritto nella relazione al cda della banca senese che per l'operazione Alexandria è ancora in corso una trattativa con Nomura per trovare un accordo. "Con riferimento ai profili più gestionali relativi all'eventuale chiusura anticipata delle operazioni in questione - si legge nella relazione - si informa codesto Consiglio che vi sono stati contatti con Nomura, ma che i valori fino ad ora da essa proposti non sono ritenuti soddisfacenti dalle strutture della Banca''.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook