26 Gennaio Gen 2013 1330 26 gennaio 2013

Bankitalia, ecco il verbale dell’ispezione 2010 su Mps

Bankitalia, ecco il verbale dell’ispezione 2010 su Mps

«L’accertamento, mirato a valutare i rischi finanziari e di liquidità, ha fatto emergere risultanze parzialmente sfavorevoli». Comincia così il verbale dell’ispezione che la Banca d’Italia condusse su Banca Monte dei Paschi di Siena dall’11 maggio al 6 agosto 2010.

Oltre a svariati rilievi sulla gestione e l’organizzazione, gli ispettori evidenziarono «profili di rischio non adeguatamente controllati» con riferimento alle operazioni in pronti contro termine e swap su Btp, per complessivi 5 miliardi di euro, stipulate con la Nomura e Deutsche Bank (pag. 5). 

Il verbale, datato 29 ottobre 2010, è firmato dal capo ispettore Vincenzo Cantarella ed è stato notificato all’allora presidente di Mps Giuseppe Mussari. La banca fu invitata a rispondere entro trenta giorni, con lettera a firma dei componenti degli organi aziendali (cda e sindaci).

All’epoca dei fatti, Mario Draghi era governatore della Banca d’Italia. Anna Maria Tarantola, attuale presidente della Rai, è stata funzionario generale dell’Area Vigilanza bancaria dal febbraio 2007 al 20 gennaio 2009. In tale data viene nominata vicedirettore generale ed entra quindi a fare parte del direttorio dell’istituto, pur restando il punto di riferimento massimo della Vigilanza. Stefano Mieli è stato responsabile dell’area dal 28 febbraio 2009 fino al pensionamento. Dal 1 marzo 2012 il funzionario capo della Vigilanza è Luigi Federico Signorini. 

«L’Autorità di Vigilanza – si legge a pagina 6 del verbale – si riserva (....) di promuovere eventuali provvedimenti ai sensi della vigente legislazione bancaria e finanziaria».

Ad oggi non è noto quali provvedimenti sanzionatori siano stati decisi da Bankitalia in relazione all’ispezione 2010. Ieri, in un’intervista al Sole 24 Ore, il governatore Ignazio Visco ha detto che «negli ultimi due o tre anni c’è stata molta attenzione sullo stato della liquidità della Banca Mps». Fino a questa mattina, sul Bollettino di Vigilanza della Banca d’Italia, aggiornato con dilazioni  anche superiori a 24 mesi, non vi era traccia di sanzioni a Mps successive all’ispezione.

Intanto, in serata il direttorio ha dato parere positivo sull’emissione dei Monti bond per 3,9 miliardi di euro in sostegno di Banca Mps.

Twitter: @Linkiesta

Clicca sull’immagine

La copertina del verbale dell’ispezione della Banca d’Italia condotta su Mps nel 2010

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook