23 Giugno Giu 2013 1722 23 giugno 2013

State per prenotare un volo? Occhio ai costi in più

Turismo e diritti

Turismo

Sono anni che sentiamo parlare di “vacanze intelligenti” ma, almeno in Italia, il concetto non ha ancora fatto presa: piaccia o meno, la maggior parte di chi può permettersi di andare in vacanza partirà nei prossimi due mesi. E magari proprio in questi giorni sta cercando l’offerta più conveniente.

Le prenotazioni “fai-da-te” su internet sono spesso quelle che garantiscono di spuntare il prezzo più basso ma più cresce il numero dei clienti più aumentano i trucchi per farcire i viaggi con costi aggiuntivi e servizi non richiesti. Una volta si poteva semplicemente prenotare un volo. Ora bisogna stare attenti ad acquistare solo il biglietto schivando la scelta del posto a sedere, la priorità di imbarco, il trasporto dei bagagli e una sfilza di promozioni per hotel e auto a noleggio. In alcuni casi queste opzioni sono già pre-selezionate e, se non le si rifiuta una per una, fanno lievitare il prezzo del biglietto. Un comportamento scorretto e più volte denunciato dalle associazioni dei consumatori, ma che si riscontra sulla maggior parte dei siti.

Così come l’applicazione di un sovrapprezzo per i pagamenti con carta di credito: nonostante le multe già comminate dall’Antitrust (70mila euro a Vueling e ben 400mila a Ryanair) chi paga un volo online con Visa o Mastercard continua a vedersi applicare una commissione (anche se più bassa di prima). La vicenda è di nuovo all’esame dell’Autorithy, che potrebbe sanzionare le compagnie addirittura con la sospensione del servizio fino a 30 giorni.

Un costo che si può evitare, invece, è quello dell'assicurazione di viaggio. Le polizze abbinate ai viaggi aerei, di solito, coprono rischi che le compagnie sono già obbligate per legge a garantire: cancellazione del volo o ritardi superiori a tre ore e perdita o danneggiamento del bagaglio. Nessuna norma prevede invece un risarcimento in caso di annullamento da parte del cliente. Questa eventualità, però, è rimborsata in circostanze particolari: infortuni e malattie – solo se si viene ricoverati in ospedale – morte, convocazione da parte delle forze armate o obbligo di residenza disposto dall'autorità giudiziaria.

Spesso è prevista anche un’assicurazione sanitaria. Anche in questo caso, se si viaggia in Europa, si è già coperti dalla nostra mutua: basterà presentare la tessera sanitaria elettronica rilasciata dall’Asl per dover pagare solo l’equivalente del ticket. In alcuni Paesi le prestazioni sono fornite gratuitamente; in altri bisogna pagare ma si può chiedere il rimborso alla propria Asl al rientro in Italia.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook