25 Luglio Lug 2013 2000 25 luglio 2013

L’anno terribile di Rajoy, tra crisi, disgrazie e gaffe

La tragedia di Santiago

Rajoy Okok

MADRID – Un convoglio che doveva viaggiare a 80 km/h ma correva a 190. Anche un treno, con tutta la sua tragicità e il peso dei morti, ha investito la già traballante popolarità del premier conservatore Mariano Rajoy, il delfino 
«ragioniere» di Aznar, il leader troppo grigio e troppo silenzioso del Partido Popular che, alla seconda prova, nel 2011 riuscì a mandare in pensione i socialisti di Zapatero.  

Ma anche l’uomo che, in meno di due anni, è riuscito ad azzerare il vantaggio sul Psoe (aiutato anche dagli effetti della crisi economica) e a gettare lunghe ombre sul futuro dei Popolari e sulla sua onestà, ingarbugliandosi con i fondi neri (caso Barcenas) e collezionando accuse dal suo ex tesoriere di partito che da un mese si porta dentro, in silenzio, senza comparire al Congreso per ripulirsi dal sospetto.

LEGGI ANCHE: Caso Barcenas, la lezione di giornalismo de El Mundo all’Italia

Ma oltre che una tragedia di vite spazzate via, che peserà sulla coscienza di Garzón Amo, che amava correre su treni da migliaia di tonnellate, come fossero i trenini di latta dell’infanzia, anche una gaffe che inchioda il presidente del Governo a una superficialità molto pericolosa e contagiosa di questi tempi. Un passo falso consumato a tarda notte, in un ufficio della Moncloa, con il telefono che squilla e un portavoce di Rajoy che si affretta a copiare e incollare un comunicato standard, in politichese, per testimoniare la vicinanza del Governo al dolore delle famiglie delle 80 vittime, maciullate e bruciate nello schianto. Ma, e c’è un terribile tragicomico “ma”, il comunicato inviato agli organi di stampa di Spagna e di tutto il mondo terracqueo ha una chiusura incollata da un vecchio documento, dimenticato nella memoria del pc, è scritto per onorare le vittime della cittadina cinese di Gansu, colpita, lunedì scorso, da un violento sisma. «Desidero rivolgervi le mie più sentite condoglianze per la perdita di vite umane e per i danni materiali che ha portato il terremoto che ha colpito questa sera la città di Gansu», firma Rajoy, lo sbadato. Maledetto “CTR+V”, maledetta gaffe e il silenzioso Rajoy sprofonda ancor più. Ridono, invece, a denti stretti e svogliati, gli spagnoli, già provati dalla tragedia e, soprattutto, da tre anni di crisi economica, disoccupazione e tagli ai servizi sanitari e scolastici.

Giovedì mattina, il premier spagnolo, ha raggiunto la curva maledetta, camminando tra i binari ancora sporchi di sangue, mentre i pompieri ispezionavano i vagoni accartocciati per cercare i passeggeri che mancavano all’appello. Senza fare nessun accenno alla terribile gaffe del copia-e-incolla, ha parlato ai microfoni, ringraziando i vigili del fuoco, gli operatori medici e tutti volontari che hanno donato il sangue per i feriti. Poche parole, volto pallido, tanti pensieri per la testa e forse la certezza che quel treno non è mai arrivato al capolinea, ma lui, forse sì.

Twitter: @robypilgrim

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook