27 Agosto Ago 2013 2338 27 agosto 2013

Arrivano anche in Italia i vagoni per sole donne

Storie d’estate

Lady Train

Dal Corriere del Veneto

«Signora venga, la accompagno negli scompartimenti per sole donne». E lì, piacevolmente sorpresa, la passeggera si può accomodare sull’ultimo sedile libero. Si scopre così che la carrozza 259 riserva dodici posti alle “Damen”: due scompartimenti da sei poltrone ciascuno». Un reportage del Corriere del Veneto  racconta la novità dei treni austro tedeschi diretti anche in Veneto, «un angolo tranquillo dopo la carrozza ristorante non ancora molto noto, perchè poco pubblicizzato, indicato da una targa blu affissa su entrambi gli scompartimenti e riservato alle sole donne. 

«Sono presenti su tutti i nostri convogli della linea Venezia-Monaco, uno nei giorni feriali e due di sabato e domenica, e sui cinque del tracciato Verona-Monaco», spiega Kerstin Schoenbohm, direttrice marketing e comunicazione della Obb alla giornalista del quotidiano veneto. 

«Il responsabile li apre con la chiave quando arrivano viaggiatrici, in modo che non vengano occupati “impropriamente”. Uno è pensato per le mamme che devono allattare, e quindi hanno bisogno di tranquillità e privacy, o sono accompagnate da bimbi molto piccoli, l’altro è a disposizione di tutte le altre signore. Anziane, studentesse desiderose di silenzio per ripassare la lezione, ma soprattutto utenti che si sentono più a loro agio (come le musulmane) o più sicure accanto a persone del loro stesso sesso». 

L’idea, spiegano, è nata da una serie di esigenze avanzate dalle viaggiatrici, «alle quali si è voluto dare risposta, e dalla decisione di offrire uno spazio sicuro alle signore». Ogni convoglio Obb è composto da sette carrozze: una di prima classe (sul Verona-Monaco due), una ristorante e cinque di seconda classe. I titoli di viaggio si possono acquistare anche nelle biglietterie Trenitalia, su Internet (www.obb-italia. com e www.bahn.com/it). 

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook