10 Settembre Set 2013 1715 10 settembre 2013

Il 10 settembre 1977 l’ultimo ghigliottinato di Francia

Solo 36 anni fa

Djandoubi

L’ultimo condannato a morte a essere giustiziato. E anche l’ultimo a essere ghigliottinato, con lo stesso meccanismo introdotto dal dottor Joseph-Ignace Guillotin nel 1789. Accadeva il 10 settembre del 1977 in Francia, solo 36 anni fa. Il decapitato che detiene il triste primato è Hamida Djandoubi, criminale tunisino accusato dell’omicidio e della tortura dell’ex fidanzata Elisabeth Bousquet. A eseguire la pena fu Marcel Chevalier, autore di 40 esecuzioni capitali. 

Djandoubi venne arrestato nelle primavera del 1973. Dopo il rilascio, adescò due ragazze obbligandole a prostituirsi per lui. Nel luglio del 1974, rapì la ex, Elisabeth Bousquet, e la torturò spegnendo numerose sigarette sul suo seno e i suoi genitali proprio davanti agli occhi terrorizzati delle altre due ragazze. Elisabeth riuscì a fuggire a piedi. Djandoubi la raggiunse e la strangolò. Quella stessa estate rapì un’altra ragazza ancora, che riuscì a scappare e a raccontare tutto alla polizia. 

Djandoubi apparve davanti al tribunale di Aix-en-Provence con l’accusa di tortura, omicidio e stupro. La sua difesa sostenne che il tunisino avesse sviluppato quella aggressività a causa della amputazione di una gamba subita sei anni prima in un incidente sul lavoro. Il 25 febbraio del 1977 venne condannato a morte, e il 10 settembre venne giustiziato con la ghigliottina. 

Djandoubi fu l’ultimo giustiziato a morte, non l’ultimo a essere condannato. Dopo di lui non ci furono altre esecuzioni capitali. La pena di morte in Francia venne abolita nel 1981 dopo l’elezione di François Mitterrand

La storia di Hamida Djandoubi è stata raccontata nel libro When the Guillotine Fell, dello scrittore canadese Jeremy Mercer.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook