20 Dicembre Dic 2013 0900 20 dicembre 2013

Il signoraggio: storia, complotti, teorie. E realtà

Infografica realizzata per Yahoo!

Signoraggio

La parola “Signoraggio” deriva dal provenzale “senhoratge”, che è collegato al termine ”seigneur” e significa “signore”. Nell’antichità chi possedeva oro lo portava alla zecca per farselo trasformare in moneta, coniata e garantita dal signore che imprimeva  la sua immagine. In questa operazione il signore tratteneva una piccola parte dell’oro come compenso per i costi di produzione e li impiegava nel finanziamento della spesa pubblica. Era il signoraggio. Col tempo si è abbandonato il sistema che collegava la moneta all’oro. Il valore non è più definito dal metallo prezioso  che la componeva: è diventato un valore nominale. Al momento, il valore nominale di una banconota di 50 euro è, appunto, di 50 euro ed è molto superiore al materiale di cui è fatta.

Secondo la Banca d’Italia, il signoraggio è: il flusso di interessi generato dalle attività detenute in contropartita delle banconote (o, più generalmente, della base monetaria) in circolazione.

Clicca qui per vedere l’infografica completa sul signoraggio

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook