speciale
21 Marzo Mar 2014 1245 21 marzo 2014

Il Venezuela in rivolta

Speciale

Caracas Speciale

Le proteste antigovernative che si susseguono in Venezuela dall’inizio dello scorso febbraio hanno causato la morte di 31 persone e il ferimento di 461. È il bilancio fornito giovedì 20 marzo dalla procuratrice generale del paese sudamericano, Luisa Ortega Diaz. Ortega ha precisato che 25 dei 31 morti e 318 feriti erano civili, mentre 6 morti e 143 feriti sono agenti delle forze di sicurezza o funzionari pubblici. Un totale di 1854 persone sono state fermate durante episodi violenti a margine delle proteste.

Venerdì 21 marzo nuovi scontri si sono verificati in Venezuela tra polizia antisommossa e dimostranti scesi in piazza a Caracas per contestare l’arresto di due sindaci dell’opposizione. I manifestanti hanno lanciato pietre e bastoni contro gli agenti che hanno risposto con i gas lacrimogeni e gli idranti. Gli scontri sono avvenuti all’indomani dell’arresto dei due sindaci, Daniel Ceballos - primo cittadino di San Cristobal, accusato di incitamento alla violenza - e Enzo Scarano - sindaco di San Diego condannato a 10 mesi di reclusione - per il loro presunto ruolo nelle proteste antigovernative in corso da settimane e durante le quali sono rimaste uccise 31 persone.
 

Gli approfondimenti de Linkiesta sul tema
 

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook