27 Aprile Apr 2014 1130 27 aprile 2014

Gas, la crisi Ucraina non ci lascerà al freddo

Gas, la crisi Ucraina non ci lascerà al freddo

157948751

La situazione attuale

Il gas naturale russo contribuisce, nel complesso, per poco meno di un terzo del totale delle importazioni europee. La metà del metano russo, circa 80 miliardi di metri cubi annui, transita per l’Ucraina (il 15 per cento del consumo europeo). Non siamo però tutti sulla medesima barca, alimentata a gas russo/ucraino: l’Italia è al timone delle importazioni (25 miliardi di metri cubi nel 2013), seguita da Turchia (13 miliardi) e Germania (12 miliardi). Molti Paesi possono comunque contare sulla produzione interna o su altre fonti di approvvigionamento: gas dalla Norvegia e dal Nordafrica, il Gnl (Gas naturale liquido) e lo stesso gas russo che transita via altri gasdotti (v. cartina). La capacità massima di questi ultimi (134 miliardi di metri cubi) non sarebbe sufficiente a coprire l’intero fabbisogno europeo di gas russo per l’anno in corso, stimato dalla russa Gazprom in 150 miliardi di metri cubi.

Per vedere la mappa ingrandita cliccare qui.

Mai, anche in piena guerra fredda, l’Urss ha messo in dubbio il suo ruolo di fornitore affidabile per l’Europa. Del resto, oggi, almeno nel breve periodo, il gas russo non ha altri sbocchi significativi per la propria produzione di gas naturale. I proventi del gas naturale (e del petrolio) aiutano non poco l’economia russa e non c’è ragione per cui debbano essere messi in predicato.
Se dunque può essere esclusa un’interruzione generalizzata dei flussi russi, merita più attenzione un possibile blocco dei flussi dall’Ucraina. Una simile circostanza si è già verificata, da ultimo nella notte tra il 6 e 7 gennaio 2009, protraendosi per meno di una settimana. I motivi scatenanti di tale crisi – aumento di prezzo e debiti pregressi – potrebbero riproporsi oggi. Questa volta tuttavia gli aspetti e le complicatezze (geo)politici sono maggiori e, purtroppo, non è il gas l’“arma” che bisogna temere. Il fatto stesso che non sia stata utilizzata finora, quando l’impatto sarebbe stato maggiore grazie al ‘Generale Inverno’, fa dubitare sul suo ricorso in clima primaverile. Va inoltre considerato che la Crimea dipende dall’Ucraina per il 65 per cento dei suoi consumi di gas e per l’80 per cento di quelli elettrici e idrici.

Il rischio di un blocco ucraino

Ma cosa comporterebbe un’interruzione continuata, per quanto non prolungata, dei flussi che transitano dall’Ucraina?
Il grafico mostra le fonti di import di gas naturale che, assieme alla produzione nazionale, soddisfano la domanda dei paesi europei (inclusi i paesi extra-UE).

Per vedere l’infografica ingrandita cliccare qui

Mostra inoltre la capacità delle infrastrutture e la quantità di capacità inutilizzata. Buona parte di tale capacità può essere chiamata in causa per fronteggiare una temporanea estromissione del corridoio ucraino dalle importazioni. Con i tepori estivi alle porte, è lecito aspettarsi che i gasdotti, la cui capacità è difficilmente impegnata per intero, saranno ancor più lontani dalla saturazione. Similmente, i rigassificatori sono ben lontani dall’operare a pieno regime e potrebbero attivarsi per accogliere una quantità maggiore di Gnl.
Tutte le previsioni escludono un incremento sostanziale del consumo di gas naturale in Europa nei prossimi anni. Nei prossimi mesi non ci dovrebbero essere particolari problemi a soddisfare la domanda di gas, dovendo al più sacrificare una quota della capacità di recupero degli stoccaggi, con possibili effetti negativi in inverno, specie nel caso in cui si dovesse rivelare freddo e lungo. I problemi di copertura delle punte giornaliere, che abbiamo affrontato anche in occasione dell’emergenza gas di febbraio 2012, danno proprio alla stoccaggio un ruolo cruciale.
È anche il caso di ricordare che proprio a marzo del 2012 è stato adottato il Gas Target Model (Gtm) da parte dello European Gas Regulatory Forum, con cui sono state definite le azioni da compiere per arrivare a un mercato unico europeo, favorendo il buon funzionamento dei mercati all’ingrosso e la realizzazione di investimenti adeguati, specie nell’interconnessione per garantire un mercato efficiente. Di questi interventi è dunque lecito attendersi una decisa accelerazione (ma il completamento richiederà tempo).

Quali conseguenze per l’Europa?

La questione, infatti, oggi resta di non semplice risoluzione e presenta risvolti logistici ed economici non irrilevanti. Innanzitutto si presenterebbe il problema del trasporto intraeuropeo di gas: la rete presenta ancora numerose strozzature e non è sufficientemente integrata per fronteggiare uno stravolgimento delle direttrici di importazione (ad esempio perché non è sempre possibile invertire la direzione dei flussi di gas). Alcuni Paesi dell’Europa sudorientale sarebbero pertanto particolarmente vulnerabili. Inoltre, importare gas da fonti alternative comporterebbe dei costi significativi e non sarebbe sempre realizzabile in modo rapido. Per attrarre in Europa volumi di Gnl, ad esempio, dovremmo essere disposti a pagareprezzi decisamente più alti degli attuali, data la competizione con gli importatori asiatici. Un’interruzione delle forniture di gas russo all’Ucraina non rischia di lasciare l’Europa a secco di gas, ma rischia di farne lievitare i costi d’importazione. Nel negoziare con la Russia una soluzione all’importante nodo del debito di Naftogaz e dello stato ucraino, l’Europa deve tenere in considerazione questo rischio e domandarsi se si può permettere bollette più salate proprio quando sta faticosamente tentando di uscire da una pesante crisi finanziaria.

* articolo pubblicato sul sito www.lavoce.info con il titolo “Ma l’Ucraina non ci lascerà al freddo

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook