12 Maggio Mag 2014 1930 12 maggio 2014

Pinterest decide quali sono le spiagge più belle

Pinterest decide quali sono le spiagge più belle

Penguins

Sembra evidente che la presenza preponderante del mondo anglosassone sui social media sia destinata a influenzare, per il momento, ogni tipo di classifica. A questa regola non sfugge nemmeno queste “cinque spiagge preferite dagli utenti di Pinterest”, dal momento che ai primi posti figurano diverse località statunitensi. Non che gli Usa non abbiano belle spiagge, sia chiaro. Ma il confronto con altri mondi esotici, ben più famosi, lascia il sospetto. Ma tant’è.

Queste che seguono sono, come si è accennato, proprio le cinque spiagge preferite su Pinterest.

Al quinto posto c’è Cabo San Lucas, sulla punta meridionale della penisola della Bassa California, in Messico. È un buon punto per vedere i leoni marini che si radunano a El Arco, una formazione rocciosa naturale dove l’oceano si incontra con il mare di Cortez.

Al quarto posto c’è la spiaggia di Whitehaven, sull’isola di Whitsunday, vicino a Queensland, in Australia. Le sue sabbie sono fatte per il 98% di silicio, che dona un colore bianco e brillante.

Sul gradino più basso del podio che Boulders Beach, a Città del Capo, in Sud Africa. Piena di rocce di granito e con una colonia di pinguini africani.

Medaglia d’argento va alla mitica Big Sur, nella costa centrale della California, tra mare e montagna

E vince, invece, la Spiaggia dei Vetri, nel parco di MacKerricher, nella California settentrionale. Qui gli abitanti di Fort Bragg abbandonavano la propria spazzatura, tra cui elettrodomestici e perfino veicoli. Da quando la cosa è stata proibita, la spiaggia è stata ripulita, almeno dei rifiuti più grandi. Quelli più piccoli sono stati levigati dalle onde del mare, che li hanno fatti diventare dei frammenti lucenti, morbidi e piacevoli che illuminano la spiaggia.

Le immagini sono tratte da: 5) Flickr, Jeff Gunn; 4) Flickr, dany13, 3) Flickr, Graeme Churchyard, 2) Flickr, NOAA's National Ocean Service; 1) Wikimedia Commons

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook