14 Giugno Giu 2014 1245 14 giugno 2014

La riforma (im)possibile della Pa

La riforma (im)possibile della Pa

Matteo Renzi Pa

Dal 1° settembre scatta la riduzione del 50% dei permessi e distacchi sindacali per i dipendenti della pubblica amministrazione. È il primo effetto della riforma della ministra Marianna Madia diventata legge lo scorso 7 agosto 2014.

In una circolare del 20 agosto firmata dalla Madia si legge che la riduzione «è finalizzata alla razionalizzazione e alla riduzione della spesa pubblica». che «tutte le associazioni sindacali rappresentative dovranno comunicare alle amministrazioni la revoca dei distacchi sindacali non più spettanti». In questo modo, tutte le pubbliche amministrazioni avranno «la possibilità di impiegare un maggior numero di unità di personale nello svolgimento delle attività istituzionali con una conseguente ottimizzazione nell’impiego delle risorse umane». In particolare, con riferimento al comparto della scuola, il taglio dei distacchi dovrebbe portare a risparmi quantificabili, visto che la previsione «determina un minor onere per le supplenze». Nel settore infatti le posizioni lasciate «scoperte» devono essere infatti rimpiazzate da altro personale. Ora, con la riduzione del 50%, si potrà fare a meno delle relative sostituzioni, con un risparmio, viene stimato nella relazione tecnica, di 10.170.000 euro annui, al lordo degli oneri riflessi a carico dell’amministrazione. Secondo fonti sindacali citate dal Corriere della sera, il dimezzamento dei distacchi sindacali colpirà oltre un migliaio di persone. 

ANALISI, PROPOSTE E INFOGRAFICHE SULLA PA ITALIANA ALLA PROVA DELLE RIFORME DEL GOVERNO RENZI

----

Riforma della Pa: tre cose che non tornano
Risparmi saltati, esuberi tabù, ingerenza sui privati: dopo gli annunci non c’è traccia di fatti

Cdm, via libera a riforma Pa. Cantone vigila su appalti
Alla Consob e alle Entrate nominate due donne. Ecco le misure per Pa e Autorità anticorruzione

Vecchia e poco qualificata, la foto della Pa italiana
La ministra Madia propone un piano di prepensionamenti per far spazio ai giovani. Servirà?

Più merito e meno concorsi: così la Pa può funzionare
Le proposte degli autori dello studio Ocap-Bocconi: “ora meno spese, ma i tagli da soli non bastano”

Il premio salariale dei dipendenti pubblici
Il trend e il livello del premio salariale dei dipendenti PA in Italia è alto rispetto a altri paesi

La rivoluzione della Pa è una lista di 44 titoli
Alcuni sono ottimi, altri impossibili. Sugli esuberi resta troppa nebbia elettorale

----

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook