6 Agosto Ago 2014 1230 06 agosto 2014

Attivi, giovani, mobili: ecco gli stranieri al lavoro

Attivi, giovani, mobili: ecco gli stranieri al lavoro

129063157

1. Attivi 
I lavoratori stranieri hanno un tasso di partecipazione al mercato del lavoro superiore a quello degli italiani, frutto di un tasso di occupazione  e di  tasso di disoccupazione entrambi più elevati della media dei cittadini italiani.

2. Giovani
Gli occupati stranieri sono generalmente più giovani di quelli italiani in tutte le professioni.

3. Mobili
I lavoratori stranieri hanno un numero maggiore di transizioni di stato nel mercato del lavoro, soprattutto poiché perdono o cambiano più spesso il lavoro. Il tasso di transizione verso l'occupazione una volta disoccupati è più alto per gli stranieri rispetto agli italiani, solo per i lavoratori non qualificati. La quota di stranieri che transita verso lavori meno qualificati è altissima, soprattutto fra i manager e gli impiegati. Quasi il 30% dei primi e il 25% dei secondi, in un anno, finiscono in lavori meno qualificati (nel grafico, in blu gli italiani, in arancione gli stranieri)

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook