6 Agosto Ago 2014 1645 06 agosto 2014

L’avanzata cinese in Italia

L’avanzata cinese in Italia

53566365

217 miliardi di investimenti esteri stranieri in Italia solo nel 2014, in forte crescita rispetto allo stesso periodo nel 2013. Un’accelerata importante, senza dubbio, che alimenta i dibattiti tra chi ne coglie i segnali positivi e chi invece è preoccupato per la perdita di sovranità economica che ne conseguirebbe. Al centro del dibattito, in queste settimane, c’è soprattutto la Cina, che nel giro di pochi mesi, principalmente attraverso la sua banca centrale, ha acquisito partecipazioni in Eni, Enel, Ansaldo, Fiat e, negli ultimi giorni, in Cdp Reti, che a sua volta controlla Terna e Snam, e Prysmian (ex Pirelli cavi).

Così la Banca centrale cinese, l’istituzione finanziaria con maggiori risorse al mondo, dopo aver puntato lo scorso marzo 2,1 miliardi di dollari sui principali colossi energetici italiani, ha aggiunto altri 500 milioni, portando i suoi interessi in Italia a un passo dai tre miliardi. 

Non è da oggi, tuttavia, che il Paese di Mezzo è attratto dalle imprese italiane. Di acqua sotto i ponti, del resto, ne è passata parecchia, da quando la Cina era vissuta alternativamente come un opificio a basso costo dove andare a delocalizzare, una fabbrica di falsi o un gigantesco mercato estero da conquistare. Per provare a capire meglio cosa sta succedendo, abbiamo raccolto un po' di articoli prodotti in questi mesi relativi all'avanzata cinese in Italia. 

Cdp e l'avanzata cinese nel Mediterraneo
Pechino in Snam e Terna, il tesoro fa cassa. Il governo è consapevole degli effetti?
di Stefano Cingolani

2014, vendesi Italia
Da Blackrock e Etihad: chi sono e cosa vogliono i nuovi padroni del capitalismo italiano
di Francesco Cancellato

La guerra Cina-Italia per il marchio Sergio Tacchini
L’ex tennista rivuole il brand ma i cinesi non mollano. E l’azienda «è quasi sparita dal mercato»
di Marco Fattorini

Made in Yidali: ci salverà la Cina?
Potrebbe essere il Dragone a dare una mano al nostro sistema economico. Un po’ di dati e di storie
di Francesco Cancellato

La mia nautica che riparte grazie ai cinesi
Dopo i “progetti della sofferenza” Crn vede la ripresa. “Ma agli italiani non vendiamo più”
di Maurizio Bertera

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook