1 Dicembre Dic 2014 1200 01 dicembre 2014

Lavoro, gli occhi chiusi dei centri per l’impiego

Lavoro, gli occhi chiusi dei centri per l’impiego

485286821

Corriere della Sera del 23 novembre, pagina 29: sotto il titolo “Flop della Garanzia Giovani”, la sempre brava Rita Querzé commenta: «Quello che sembra mancare alla Garanzia Giovani è proprio il lavoro [...] Il problema è che il cavallo non beve».

La Stampa del 24 novembre, pagina 24: sotto il titolo “In Europa 20 milioni di posti liberi – Il digitale spinge le nuove assunzioni”, lo specialista di informazione qualificata sul lavoro Walter Passerini ci informa che secondo i dati risultanti dal nuovo sito dedicato all’incontro fra domanda e offerta di manodopera – Face4Job - in Italia in questo momento le imprese cercano 1.339.730 persone da assumere; magari con contratti di lavoro a termine o atipici, ma uno su sei è a tempo indeterminato. Comunque sono sempre una quantità imponente.

Questo dato riportato dalla Stampa non stupisce: se non ci fosse questo milione di ricerche di lavoratori da parte delle imprese italiane, come potrebbero verificarsi i quasi altrettanti contratti di lavoro regolari che ogni mese vengono censiti dal sistema delle comunicazioni obbligatorie al ministero del Lavoro? Ma se è così, come si spiega che i Centri per l’Impiego ignorino totalmente questa grande quantità di occasioni di lavoro che il nostro Paese riesce a produrre nonostante la crisi più grave del secolo? Ci sarà anche la crisi con tutte le maggiori difficoltà che ne conseguono; ma qui c’è uno strumento di fondamentale importanza, che dovrebbe servire per aiutare il lavoratore proprio nelle situazioni più difficili, e che non funziona. Possibile che a questo problema né i sindacati né la sinistra politica dedichino mai la minima attenzione?

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook