18 Gennaio Gen 2015 0045 18 gennaio 2015

Libertà è informazione

Libertà è informazione

Liberta Informazione Giornalismo

È difficile e molto rischioso dedicare una giornata a ragionare sul proprio mestiere – a celebrarlo, per certi versi – senza che la cosa suoni auto-referenziale. Questa volta, tuttavia, ha senso farlo. Perché ne abbiamo viste e sentite troppe, in questi giorni.

Abbiamo visto massacrare dodici persone, a colpi di kalashinikov, nel bel mezzo di una riunione di redazione, ovviamente.

Abbiamo visto sfilare a Parigi, in nome di Charlie Hebdo e in difesa della libertà di stampa, il premier ungherese Viktor Orban, il primo ministro turco Davutoglu, il ministro degli esteri russo Lavrov, gente che i giornalisti li intimidisce e li incarcera, per non dire peggio.

Abbiamo visto, in Francia e in Italia, la gente fare la fila per comprare in edicola il feticcio di una tragedia, o per provare l’ebrezza di sentirsi libertaria per un giorno, e non dire nulla (in Francia) per il fermo di Dieudonné, accusato di quello che è difficile non definire un reato d’opinione e (in Italia) per una legge sulla diffamazione che secondo Stefano Rodotà « mette a rischio il diritto costituzionale ad informare ed essere informati».

Infine, abbiamo visto un bambino, in quella piazza in cui tutti erano Charlie, reggere un cartello colorato su cui c’era scritto: «Diventerò un giornalista. Io non ho paura». E quel bambino, ci ha dato un po’ di coraggio e fiato, dopo giorni passati a digerire angoscia e ipocrisia.

Se oggi ne parliamo, parafrasando Gaber, perché crediamo che quel bambino abbia ragione. Che anche se non sono tempi semplici, per chi le informazioni le veicola - tra l'incudine del cambiamento tecnologico e il martello della crisi - così come per chi la riceve - letteralmente sommerso da un flusso informativo incontrollato -, l'informazione sia davvero un elemento costitutivo di una società che si definisce libera. Che sia un antidoto alla paura. Che possa davvero fare la differenza. 

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook