30 Marzo Mar 2015 0915 30 marzo 2015

Confondi spesso destra e sinistra? Ecco perché

Confondi spesso destra e sinistra? Ecco perché

 Wrong Left

Sembra la cosa più facile del mondo, eppure crea problemi a una grande fetta della popolazione mondiale: distinguere la destra dalla sinistra. Sarà capitato a tutti di sbagliare, ad esempio mentre si è alla guida, e l’istruttore detta le direzioni. Diceva “sinistra”, si è svoltato a “destra”. Come è possibile? Perché si sbaglia così?

A differenza di quanto si pensi, distinguere destra-sinistra è un’operazione neurologica molto complessa. Implica la capacità di integrare informazioni sensoriali (visuali), il linguaggio e la memoria. Per alcuni è un giochetto, per altri una procedura che richiede sempre attenzione. A quale categoria sentite di appartenere? Qui c’è un test per capirlo:

Fai il test

Insomma, è un problema comune ma poco considerato, e che può avere conseguenze gravi: sbagliare strada non è la fine del mondo. Ma – se si è medici – sbagliare gamba o mano da amputare è molto grave, eppure succede con una frequenza preoccupante. La confusione può avere effetti fatali anche in altri campi, come qui.

Di fronte al problema, la scienza ha indagato. E ha concluso che:

1) Le donne tendono a confondersi più spesso;

2) La confusione, il rumore, le distrazioni aumentano la difficoltà di distinguere destra e sinistra in modo sbalorditivo anche in persone che altrimenti si dimostrano abilissime;

3) Chi crede di saperlo fare bene, nella maggior parte dei casi si sbaglia
 

Che fare? La soluzione perfetta non c’è. Di sicuro, la cosa migliore è sollevare il problema, discuterne con serietà e non farlo diventare oggetto di scherno e battute. Occorre essere consapevoli che una cosa all’apparenza semplice come distinguere destra e sinistra può essere difficile. Come già detto, in certe professioni non saperlo fare può risultare fatale. In politica, invece, è del tutto incoraggiato.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook