15 Aprile Apr 2015 1330 15 aprile 2015

Il caro estinto: la nuova tecnica per resuscitare i mammut

Il caro estinto: la nuova tecnica per resuscitare i mammut

Mammuth

Non avendo molto di meglio da fare, alcuni scienziati russi e sudcoreani hanno deciso di unire le loro forze per creare una sorta di Jurassic Park, fatto di animali estinti da millenni riportati alla vita.

Nel loro progetto visionario, il primo da resuscitare è il mammut: è molto più semplice rispetto ai dinosauri del film di Steven Spielberg perché il genoma, trovato in grande quantità nel pelo, nella pelle e nelle ossa dei resti congelati è stato sequenziato senza molti problemi. Per creare un ibrido vivente, come facevano nel libro di Michael Crichton, manca poco.

Il processo si chiama “de-estinzione”, non è una novità. È un dibattito che attraversa il mondo dei biologi da tempo e ha già provocato diverse polemiche. Per alcuni sarebbe un’opportunità di riscoprire e ristudiare alcune specie scomparse per sempre, come il dodo che, poveraccio, è tra i primi sulla lista – è anche una forma di risarcimento morale per un animale sparito per colpa dell’uomo. Per altri si tratta di tempo, risorse e soldi sprecati: meglio concentrare gli sforzi nella protezione delle specie in pericolo. In ogni caso esistono inziative, come questa russo-coreana, per riportare l’orologio della storia e della preistoria indietro.

Nel caso specifico funziona così: il team russo-coreano tenterà di clonare il mammut estraendo il nucleo di una cellula dal tessuto di mammut e inserire tutto questo materiale genetico nell’uovo, senza nucleo, di un elefante asiatico, in funzione di madre surrogata. Il tutto senza chiedere il parere. Detto così, poi, sembra un gioco da ragazzi. In realtà ci sono molti problemi, in tutte le fasi dell’operazione: è difficile trovare un nucleo cellulare in buono stato di conservazione (anche perché l’ultimo è morto circa 3.500 anni fa, che non è poi così poco); è difficile poi far sì che la cellula, anche in un ambiente favorevole, trovi la strada per svilupparsi e dare origine alla vita; è difficile tutta la fase della gestazione e del parto. Insomma, una scommessa. Anche perché, una volta nato, andrà anche allevato. Ma una zona adeguata esiste: è una regione della Siberia, che si chiama Pleistocene Park. Se tutto va in porto, si prevedono molti turisti.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook