14 Maggio Mag 2015 1045 14 maggio 2015

Reddito minimo garantito: la risposta del M5S a Linkiesta

Reddito minimo garantito: la risposta del M5S a Linkiesta

Movimento Cinque Stelle 0

Caro Direttore,

all'indomani di una delle manifestazioni più belle e meglio riuscite dal Movimento 5 Stelle, ci riferiamo alla marcia Perugia-Assisi per il Reddito di Cittadinanza, abbiamo letto con piacere il suo editoriale dal titolo "Reddito minimo garantito: perchè non possiamo più farne a meno" e senza volersi qui soffermare sulle differenze tra reddito minimo e di cittadinanza, riteniamo - come lei - che sia giunta l'ora di «invertire la rotta». 

In realtà il Movimento 5 Stelle, sin dalla sua nascita, si muove nel solco del cambio di paradigma per la gestione del nostro paese consapevole che disuguaglianza, distribuzione della ricchezza e disoccupazione siano stati fenomeni poco, o per nulla, governati. Occorre restituire la dignità alle tante persone che in questi anni hanno perso un lavoro e non sono più stati in grado di ritrovarlo; ai giovani che un lavoro non lo hanno mai avuto; ai tanti pensionati che con una pensione minima non sono più in grado di andare avanti; ai milioni di precari spesso costretti ad accettare retribuzioni da fame disposti a tutto pur di mantere le loro famiglie, agli autonomi che un reddito purtroppo non lo hanno più.

Come certamente saprà il Movimento ha depositato in Parlamento una proposta di legge sul reddito di cittadinanza. Si tratta della possibilità di dare 780€ mensili (9.360€ l'anno) a persone con più di 18 anni disoccupati o percettori di reddito/pensioni, inferiori alla soglia di povertà. Com'è giusto che sia abbiamo previsto degli obblighi per i beneficiari come ad esempio l'iscrizione presso i centri per l'impiego; l'essere subito disponibili a lavorare; accettare proposte di riqualificazione o formazione, offire la propria disponibilità per progetti utili alla collettività.

In questi mesi siamo stati sottoposti al bombardamento mediatico relativo alle coperture per per il finanziamento del reddito di cittadinanza. Ce lo chiedono come un mantra. Floris fece perfino delle slides quando invitó Fico. Si tratta di 17 miliardi non di 170. Si tratta di stime fatte dall'ISTAT non da un grillino esaltato. E' sufficiente leggere pagina 228 del Rapporto ISTAT 2014 che sapere esattamente il numero di Italiani sotto la soglia di povertà assoluta e relativa con le percentuali.

Insomma, è ora di tornare a credere che un altro paese è possibile, un paese in cui più nessuno deve rimanere indietro.

Un cordiale saluto.

*Giulia Grillo è membro Gruppo M5S Commisione Affari Sociali alla Camera dei Deputati

**Nunzia Catalfo è membro Gruppo M5S Commissione Lavoro, previdenza sociale al Senato

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook