11 Agosto Ago 2015 1645 11 agosto 2015

Carlo Nerozzi, l’architetto del vino

Carlo Nerozzi, l’architetto del vino

Vigne San Pietro Foodscovery

Non è necessario essere architetti per fare un buon vino, ma in qualche modo aiuta. Nel ritmo visivo dei filari di vite, nel gusto per l’eleganza, e nella straordinaria capacità di progettare un vino capace di resistere al tempo, si sente l’eco dell’antico mestiere di Carlo Nerozzi. Architetto e restauratore, ha deciso di abbandonare la precedente attività per dedicarsi totalmente alla produzione di vino.

Sulle colline moreniche, a metà strada tra Verona e il lago di Garda, Le Vigne di San Pietro sono un piccolo paradiso immerso nel verde. Lì Sergio Nerozzi – padre di Carlo – ha deciso di trasferirsi, nei primi anni Ottanta. Isolati dal trambusto cittadino, padre e figlio si sono messi in ascolto dell’uva, dei terreni, del clima, imparando sul campo e diventando col tempo dei veri maestri del vino. Oggi Carlo, affiancato dalla moglie Regina, gestisce l’azienda di famiglia con la stessa passione ereditata dal padre.

Qualità e gusto dei vini delle Vigne di San Pietro non potevano passare inosservati al radar Foodscovery, particolarmente sensibile nei confronti di tutte le eccellenze italiane.

Tra gli alberi di vite, periodicamente, vengono infatti piantati semi di avena e di pisello proteico

Nei bassi filari della tenuta della famiglia Nerozzi, l’uva viene raccolta completamente a mano. Cresciuta in un microclima perfetto, grazie al benefico influsso del lago di Garda, è coltivata con tecniche rispettose dei terreni. Tra gli alberi di vite, periodicamente, vengono infatti piantati semi di avena e di pisello proteico, per restituire al terreno tutte quelle proprietà nutritive che rendono queste uve sane e forti.

Uno dei primi esperimenti di successo è stato il Refolà, un vino realizzato miscelando in modo originale due uve presenti in azienda, il Cabernet Sauvignon e il Merlot. Prodotto con la tipica tecnica dell’appassimento, ben nota in Valpolicella, il Refolà è poi fatto crescere in barrique di rovere per un anno.

Pregiati, eleganti e capaci di evolversi bene in bottiglia, i vini della famiglia Nerozzi sono un prodotto per veri intenditori. La collaborazione con l’amico enologo Federico Giotto, ha ulteriormente innalzato il livello qualitativo di questi prodotti straordinari, oggi apprezzati sia in Italia che all’estero.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook