11 Agosto Ago 2015 1445 11 agosto 2015

Grecia: troppi errori, ora lasciamola crescere

Dopo l’accordo

Greek Flag

Era inevitabile che la Grecia dovesse fare tagli. Eppure, se mai rimborserà i propri debiti, quello che il Paese ha bisogno di più di tutto è una strategia di crescita.

La terribile situazione di stallo è finita, per il momento: la Grecia e i suoi creditori stanno lavorando su un terzo pacchetto di salvataggio. Tuttavia, continua il dibattito su quali insegnamenti si possano trarre dal fallimento dei programmi precedenti.

Il capo economista del Fondo monetario internazionale, Olivier Blanchard, ha recentemente pubblicato un importante documento proprio su questo aspetto. Quando difende le principali decisioni del Fmi, si può essere d'accordo con molto di quello che dice. Era certamente inevitabile che la Grecia avrebbe dovuto intraprendere un massiccio risanamento di bilancio negli ultimi cinque anni. Quando il pacchetto di salvataggio del 2010 è iniziato, il deficit di bilancio era al 15 per cento. Che non era sostenibile.

«Le politiche economiche della Grecia dopo l'introduzione dell'euro hanno ricordato uno schema di Ponzi»

Blanchard ha fortemente criticato le politiche di austerità europee. Eppure anche lui ammette che nel caso greco la necessità di finanziamenti sarebbe stata irrealisticamente elevata senza tali rigorosi risparmi. Il totale che è stato prestato nei pacchetti di salvataggio precedenti supera già il 40% del Pil greco - e questo solo per finanziare i deficit degli ultimi anni. Sicuramente, la volontà di finanziare disavanzi più elevati non c'era.

Su due punti importanti, tuttavia, l'analisi di Blanchard è insoddisfacente. La domanda più importante per la Grecia è questa: l'economia deve crescere, ma da dove dovrebbe venire questa crescita? I politici hanno bisogno di presentare una strategia, ma i programmi non ne hanno davvero fatto una priorità. Per di più, la questione del debito non è mai stata affrontata adeguatamente - anche da parte del Fmi.

Le politiche economiche della Grecia dopo l'introduzione dell'euro hanno ricordato uno schema Ponzi. Ogni anno più denaro è stato preso in prestito e non solo per pagare i creditori precedenti, ma anche per finanziare nuova spesa. La spesa dello Stato in Grecia quindi è cresciuta rapidamente. Dal 1999 al 2009 i salari nel settore pubblico sono raddoppiati - a confronto, in tutta l'area dell'euro sono aumentati solo del 40% nello stesso periodo. Le pressioni salariali risultanti hanno portato ad eccessivi aumenti salariali nel settore privato, e le imprese greche sono diventate sempre meno competitive. Tutto questo ha causato un enorme deficit delle partite correnti e la spirale debito estero.

«Dal 1999 al 2009 i salari nel settore pubblico sono raddoppiati - a confronto, in tutta l'area dell'euro sono aumentati solo del 40% nello stesso periodo»

Per i pacchetti di salvataggio greco, per avere successo è stato quindi fondamentale tenere questo problema della competitività sotto controllo. Eppure la Troika, e in particolare il Fondo monetario internazionale, hanno fatto solo timidi tentativi. Ad esempio, nei documenti ufficiali hanno discusso dei tagli salariali necessari con grande dettaglio. All'inizio, però, non li hanno resi una condizione rigida per i prestiti d'emergenza. Non hanno avuto abbastanza coraggio.

Era anche ben noto che i soli salari più bassi non sarebbero bastati. Allo stesso tempo, una profonda riforma dei mercati dei prodotti era necessaria, al fine di spezzare sistemi antiquati e interessi di parte. In caso contrario, sarebbe stato difficilmente possibile sviluppare nuovi settori di crescita. Come risultato di questo trattamento di favore sbagliato, la disoccupazione in Grecia è aumentata più rapidamente del necessario. Era in gran parte inevitabile che la domanda interna crollasse, ma in Grecia questo non è stato in alcun modo bilanciato da un aumento delle esportazioni - a differenza del Portogallo, per esempio.

Il mercato del lavoro greco è già più flessibile rispetto a quello della Germania. È invece fondamentale aprire i mercati dei prodotti

Si tratta di un’area sulla quale il nuovo pacchetto di salvataggio dovrebbe agire. La Grecia richiede urgentemente una strategia di crescita che consenta di aumentare le esportazioni. Le riforme del mercato del lavoro non sono necessarie per questo: secondo l'Ocse, il mercato del lavoro greco è già più flessibile rispetto a quello della Germania. È invece fondamentale aprire i mercati dei prodotti, riformare le politiche sulla concorrenza e aumentare l'efficienza del settore pubblico. Anche finanziare le start-up, con i fondi europei, sarebbe utile.

Il secondo punto centrale riguarda la capacità della Grecia di ripagare i propri debiti. I funzionari del Fmi e gli esperti indipendenti hanno avuto dubbi su questo dall'inizio. Tuttavia, il Fmi è stato d’accordo con il primo programma, e ha anche cambiato le proprie norme interne per rendere questo possibile. Per giustificare questo, sono stati evidenziati i rischi per la sicurezza finanziaria.

«Anche l’haircut è arrivato troppo tardi per risolvere il problema del debito» 

Se questi rischi fossero davvero così grandi potrebbe essere oggetto di un lungo dibattito. Eppure, è certamente vero che le preoccupazioni sul contagio e sulla stabilità del sistema finanziario erano sostanziali e molto presenti a quel tempo. A questo proposito la decisione del Fmi non va criticata. Tuttavia, ciò che davvero deve essere criticato è il fatto che gli stessi rischi finanziari messi in risalto dal Fmi non hanno portato a un programma di salvataggio sostenibile. Anche l’haircut (taglio del debito) è arrivato troppo tardi per risolvere il problema del debito.

Gli investimenti hanno bisogno di certezza: l'Euro.

Il nuovo programma dovrebbe agire anche su questo. Per supportare ulteriormente la crescita, la Grecia ha bisogno di fiducia e di nuovi investimenti. Eppure questi verranno solo se vi sarà la certezza che la Grecia sarà ancora nell’Euro tra cinque anni, e che i suoi debiti sono sostenibili.

I politici potrebbero dare questa certezza se ci fosse un accordo per collegare la revisione del debito alla crescita economica greca. Il piano di rimborso attuale si applicherebbe solo se la Grecia conseguisse una crescita adeguata; negli altri casi, i creditori dovrebbero accettare un ulteriore rinvio dei pagamenti e tassi di interesse più bassi.

«Il piano di rimborso attuale si potrebbe applicare solo se la Grecia conseguisse una crescita adeguata; negli altri casi, i creditori dovrebbero accettare un ulteriore rinvio dei pagamenti e tassi di interesse più bassi»

Ciò consentirebbe una pianificazione a lungo termine in Grecia, e permetterebbe di creare incentivi a investire. Allo stesso tempo, questa soluzione sarebbe anche nell'interesse dei creditori: è chiaro che la Grecia non sarà in grado di rimborsare i suoi debiti pienamente in ogni caso, se la crescita rimarrà debole. Se questa realtà economica ora è accettata, allora un piano del genere potrebbe effettivamente aumentare i rimborsi previsti.

Col senno di poi, è chiaro che in Grecia sono stati fatti errori enormi: dal Fmi, dalla Troika e soprattutto dalla Grecia stessa. Il Paese ora deve attuare finalmente profonde riforme che consentano al settore privato di esportare di più e di crescere. In cambio i creditori devono dichiararsi pronti a garantire la sostenibilità del debito e obiettivi di avanzo primario realistici, in modo che gli investimenti possano tornare in Grecia. Le riforme e la sostenibilità del debito sono due facce della stessa medaglia.

* direttore del centro studi Bruegel

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook