Trasporti
20 Ottobre Ott 2015 1847 20 ottobre 2015

Trasparenza e risparmio: così i trasporti milanesi battono quelli romani

Nel capoluogo milanese gli appalti nel 2011 erano tutto senza gare aperte, ora la situazione si è capovolta. Dai dirigenti ai ricavi da biglietti, i dati fotografano due mondi ormai lontanissimi

Atac Roma
(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

«Roma non sarà salva fintanto che non si riformerà il trasporto pubblico locale». Non potevano essere profeti più precisi i due ricercatori dell’Istituto Bruno Leoni - Ugo Arrigo e Andrea Giuricin - quando un anno fa descrivevano i guai dell’Atac in uno studio. Ma è possibile salvare un’azienda di trasporti come l’Atac? A guardare le ultime vicende non è affatto scontato, ma qualche lezione in questo caso arriva da Milano. In una città che non si è fatta mancare scandali e tangenti, anche in tempi recenti, l’evoluzione dell’Atm va guardata con attenzione perché dice che tagliare i costi è possibile e che la trasparenza in fatto di gare è una componente fondamentale in questo percorso.

Derby Milano-Roma

Quello che si è visto nei mesi scorsi ha dimostrato in modo sempre più chiaro la profezia dell’Istituto Bruno Leoni. Il bilancio di Atac è stato rinviato, i vertici sono saltati (l’ad Danilo Broggi e il direttore generale Francesco Micheli, arrivato solo a maggio), sono state aperte un’indagine della procura di Roma e una dell’Autorità nazionale anti-corruzione. L’assessore ai Trasporti del Comune di Roma, il dimissionario Stefano Esposito (arrivato anch’egli in estate), ha lanciato accuse pesantissime a tutto il management. Ha parlato di «azienda senza speranza», di «manager senza competenze che hanno qualcosa da nascondere», ha attaccando i 15-20 dirigenti pagati «200-250mila euro all’anno» e ha parlato di sospetti di tangenti. In confronto, ha detto, Mario Chiesa - l’uomo simbolo di Tangentopoli - e il suo Pio Albergo Trivulzio erano un «collegio di lattanti».

In confronto (all’Atac, ndr) Mario Chiesa e il suo Pio Albergo Trivulzio erano un collegio di lattanti

Stefano Esposito, assessore dimissionario ai Trasporti del Comune di Roma

Vista da Milano, la situazione di Roma sembra quella di un altro pianeta: bilancio chiuso in utile (5,6 milioni di euro), costi del personale ridotti (di 2 milioni di euro), situazione ordinata nonostante il maxi afflusso dell’Expo. Eppure, ci sono stati anni in cui anche l’azienda di trasporti milanese era un problema. Non è mai stata un buco nero per il Comune di Milano, ma gli appalti venivano affidati regolarmente sempre senza gara aperta e l’ex amministratore delegato aveva uno stipendio superiore a 360mila euro annui. Pagine - quelle della stagione con Elio Catania alla guida dell’Atm - archiviate dal sindaco Giuliano Pisapia. Oggi il confronto effettuato nel luglio scorso in uno studio di Mediobanca mostra tutta la distanza tra Milano e Roma.

Vediamo le principali.

Le gare

Atac: L’Autorità nazionale anticorruzione contesta il meccanismo degli appalti. Nel periodo 2011-2015 sarebbe stato affidato senza gare aperte il 90% degli appalti, che nel complesso valevano nel quinquennio 2,2 miliardi di euro. Un trend che è solo in parte migliorato negli ultimi anni: se tra il 2011 e il 2012 la percentuale di appalti affidati senza gara era di oltre il 99%, nel 2014 la quota era scesa all’87,5% e nel 2015 all’84 per cento.

L’ad dimissionario di Atac, Danilo Broggi, ha contestato questa cifra, dicendo che i bandi aperti e le procedure negoziate fatte tramite le piattaforme online superano il 90% del valore degli appalti.

Atm: Il cambiamento nella gestione degli appalti è uno dei più evidenti tra la nuova e la precedente gestione dell’azienda pubblica milanese.

La tabella qui sotto, presente nel bilancio 2014 di Atm, mostra l’evoluzione: nel 2011 non c’era stata neanche una procedura aperta e tutte le 42 procedure effettuate erano negoziate. Nel 2014, 45 su 59 appalti sono stati assegnati con procedure aperte.

Fonte: Atm Milano, bilancio 2014

Gli effetti: «Si evidenzia come l’impiego di procedure aperte abbia consentito l’acquisto di prodotti a un costo mediamente inferiore rispetto ai prezzi di acquisto ottenuti con procedure negoziate bandite nel 2011», si legge nel bilancio 2014 di Atm. I ricambi per autobus costano il 10% in meno del 2011, quelli dei particolari meccanici il 5% in meno del 2009. La copertura All Risk è scesa invece del 9,5% rispetto al 2011. La spesa per la fornitura di pneumatici per veicoli del 6,8% rispetto al 2012. Quelle per i nidi aziendali del 6,5 per cento.

Secondo l’Autorità anti-corruzione, nel periodo 2011-2015 sarebbe stato affidato senza gare aperte il 90% degli appalti, che nel complesso valevano nel quinquennio 2,2 miliardi di euro

Mezzi disponibili

Atac: L’altra emergenza romana riguarda i mezzi disponibili. Il sito dell’Atac parla di 2.400 veicoli, tra bus, filobus, tram, treni della metro e delle ferrovie metropolitane. Ma la realtà è molto diversa. Dei mezzi, solo circa 1.450 escono effettivamente ogni giorno. Gli altri sono in manutenzione. Ogni giorno si rompono 300 autobus e il motivo principale è l’età media elevatissima, circa 11 anni, quando la vita media di un mezzo è di 12 anni. L’esempio più evidente del caos della manutenzione è dato dai minibus elettrici. Come ha scritto Sergio Rizzo sul Corriere della Sera, dei 60 che circolavano a partire dal Giubileo del 2000, orgoglio ecologico della città, ne rimangono in funzione solo otto. Il motivo: le batterie sono esauste e non ci sono i soldi per sostituirle. Oltre 50 bus sono in un “cimitero” di Trastevere.

Né la situazione si sta sbloccando in vista del Giubileo. Un bando da 200 milioni di euro per 700 autobus è andato deserto e questo episodio è stato alla base della rottura tra l’assessore del Comune di Roma Esposito e il dg Francesco Micheli. È stato sostituito da uno più modesto da 180 bus. Al Messaggero il ministro dei Trasporti Graziano Delrio ha ipotizzato che la Cassa depositi e prestiti acquisti autobus nuovi che poi verranno ceduti in leasing alle municipalizzate, Atac in testa.

Atm: la situazione è molto diversa. Lo spiega ancora una volta il bilancio Atm. Nella seconda metà del 2014 sono stati consegnati e immessi in servizio i primi 85 autobus di nuova fornitura, nel quadro di un piano formalizzato nel 2014 per la fornitura di 250 autobus. Il gruppo Atm ha 160 treni della metropolitana, 1.394 autobus, 481 tram e 147 filobus. Non è chiaro quanti di questi siano in funzione. L’età media è di 8,6 anni.

Dei 60 minibus elettrici che circolavano a partire dal Giubileo del 2000, orgoglio ecologico della città, ne rimangono in funzione solo otto. Il motivo: le batterie sono esauste e non ci sono i soldi per sostituirle

Dirigenti

Atac: nel bilancio 2013 della società si contavano 80 dirigenti. L’assessore dimissionario del Comune di Roma Stefano Esposito ha parlato di 15-20 manager che guadagnano 200-250mila euro all’anno.

Atm: nel 2014 si contano 25 dirigenti. Nel 2011 la retribuzione di Elio Catania, era stata in totale di 366 mila euro, difesi fino all’ultimo con i denti, pure con un ricorso al Tar. Era la somma degli stipendi del doppio ruolo che ricopriva: 76.643 euro lordi all’anno per l’incarico nel consiglio d’amministrazione e 290.000 euro lordi all’anno per la carica di direttore generale. Il suo successore, il direttore generale Bruno Rota, guadagna, come riporta il sito di Atm, 240mila euro lordi, senza premi di risultato. Lo scorso anno erano 258mila euro, come da lui stesso dichiarato a Repubblica, ma c’è stato un taglio dopo che nell’aprile 2014 il governo ha imposto un abbassamento del tetto agli stipendi dei dirigenti della pubblica amministrazione a 240mila euro.

Nel bilancio 2013 dell’Atac si contavano 80 dirigenti. In quello Atm 25

Dipendenti

Atac: ha 11.811 dipendenti. Il costo del lavoro per dipendente, come rilevato dal rapporto Mediobanca sulle aziende municipalizzate relativo al 2013, è pari a 46,9 euro. Il valore aggiunto per dipendente è pari a 32,2 euro. Il Clup (costo del lavoro per unità di prodotto, ossia il rapporto tra il costo del lavoro e la produttività) è pari al 145,4 per cento. Il tasso di assenteismo è del 12 per cento. Gli scioperi sono stati 521 negli ultimi sei anni.

Atm: ha 9.356 dipendenti. IIl costo del lavoro per dipendente è di 50,6 euro. Il valore aggiunto per dipendente è di 53,6 euro. Il Clup è pari al 94,3 per cento.

Gli indicatori economici

Risultato netto cumulato 2006-2013

Atac: -2.990 milioni di euro

Atm: + 30 milioni di euro

Contributi e corrispettivi di servizio

Atac: 534 milion nel 2013 i. I corrispettivi pubblici per addetto sono pari a 52,7 euro.

Atm: 354 milioni nel 2013. La cifra è pari al 30% dei ricavi. I corrispettivi pubblici per addetto sono pari a 43,4 euro.

Fonte: Mediobanca

Copertura dei costi operativi netti con ricavi di mercato

Atac: nel 2013 31,7%

Atm: nel 2013 59%

Fonte: Mediobanca
Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook