5 Novembre Nov 2015 0915 05 novembre 2015

Scomunicati è bello, quando uscire dalla Chiesa è cool

Da Napoleone a Fidel Castro, l’ira della Chiesa va a colpire personaggi che, alla lunga, si rivelano molto influenti e importanti

Excommuncation
Il Papa a Canossa / Hulton Archive

Una volta era una disgrazia, ma ora, in tempi recenti, è diventata una cosa trendy. La scomunica non è più quella di una volta, ora è cool. Lasciamo stare l’ex arcivescovo Milingo, che rappresenta, a suo modo, una eccezione. Se si guarda ai personaggi storici che l’hanno subita, ecco che si srotola una lista di nomi e cognomi eccellenti. Re, regine, presidenti e imperatori, ad esempio. E c’è spazio anche per Fidél Castro.

Napoleone
Venne scomunicato da papa Pio VII nel 1809, in seguito all’occupazione e all’annessione di Roma. Se ci si pensa, è tutto sommato una decisione comprensibile. Il problema è che Bonaparte non la prese bene e rapì il Papa, tenendolo prigioniero per anni. Ma alla fine il potere spirituale prevalse, quando l’ex imperatore di Francia venne esiliato nel 1814 a Sant’Elena e Pio VII poté tornare, in trionfo, a Roma.

Juan Perón
Tre volte presidente dell’Argentina, nel 1955, aveva fatto infuriare la Chiesa con i suoi ripetuti tentativi di legalizzare divorzio e prostituzione, e poi espellendo due preti cattolici dal Paese. La colpa? Diffondevano voci tendenziose su una sua relazione con una ragazza minorenne. La Chiesa cercò di riportarlo a una condotta più sobria, ma fallì. E allora lo scomunicarono.

La regina Elisabetta I
Dopo la riforma protestante, lo scisma di Enrico VIII, la Chiesa era in difficoltà. Ennesima mazzata la diede Elisabetta, che decise di seguire l’esempio del padre, e si mise a capo della Chiesa d’Inghilterra. La Chiesa decise di tentare, a mali estremi, estremi rimedi. E la scomunicò. Ma non funzionò molto, visto che dopo 500 anni la regina d’Inghilterra è, tuttora, capo della Chiesa d’Inghilterra.

Fidel Castro
Avvenne nel 1962, a opera di Giovanni XXIII. Forse sulla base di un molto discusso decreto del 1949, che impediva ai cattolici di diventare comunisti, oppure sulle continue istigazioni alla violenza contro i vescovi messe in atto dal Lìder Maximo. In realtà, la questione non chiara: secondo alcuni, la scomunica non è mai partita. Tanto che sia Giovanni Paolo II che Papa Francesco lo hanno incontrato senza alcun problema.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook