12 Dicembre Dic 2015 1320 12 dicembre 2015

Lo stato d’emergenza che trasforma Strasburgo in un deserto

Il provvedimento di sicurezza, esteso su tutto il territorio francese, mostra i suoi effetti anche fuori da Parigi. E si capisce come certi stili di vita non siano naturale, ma il frutto di una lunga conquista

3,Xlarge
Tutte le immagini sono di Mathieu Piranda

Più che la paura, potè lo stato d’emergenza. Il 14 novembre, dopo gli attentati a Parigi, il presidente Hollande aveva dichiarato, per tre mesi l’etat d’urgence su tutto il territorio della Francia. Le conseguenze? Più controlli, posti di blocco, coprifuoco. E, soprattutto, strade deserte.

Come mostra questo progetto fotografico di Mathieu Piranda, architetto di Strasburgo, non c’è più nessuno che va in giro per strada. Perfino in occasione dell’apertura del tradizionale Mercato di Natale a Strasburgo, una manifestazione vecchia di 445 anni, le vie erano vuote: impedito fermarsi, circolazione bloccata tra le 10 e le 20, controlli su tutti i punti di accesso.

Le immagini di una città spettrale parlano da sole. “Testimoniano il dietro le quinte di questo avvenimento molto popolare”, spiega il fotografo-architetto, “e mostrano come tutto sia diverso dai cliché soliti: cioè vie affollate e piene di decorazioni”. Invece, tutto è spoglio, vuoto e deserto. La serie fotografica si chiama “Desert Urbain”, e non ha bisogno di traduzioni.

“Queste strade, vie, incroci, parcheggi, dove la circolazione delle auto la faceva da padrone si sono svuotate della loro materia prima. Non restano che delle vaste distese di asfalto, silenziose, che fan vedere la città sotto una luce diversa. Spazi urbani privi del ritmo del traffico, restituiscono il piacere di essere pedoni. Con edifici da riguardare”. E “spazi nuovi, da riguadagnare”.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook