7 Gennaio Gen 2016 0850 07 gennaio 2016

Concerti per feto: come funziona l’ipod per vagina

Dalle 18 settimane di gravidanza un bambino in pancia è in grado di ascoltare e pare la musica faccia bene allo sviluppo. Una startup è passata dalla teoria alla pratica

Feto
Photo Courtesy of Turner Entertainment/Getty Images

Si dice che un feto inizi a sviluppare l’udito a 18 settimane di gravidanza. Da quel momento, teoricamente, può iniziare ad ascoltare musica. E quindi a sperimentare tutte le emozioni che la musica può generare. Già, perché anche un feto reagisce alla musica. L’ha dimostrato uno studio che ha mostrato che un bambino, anche nella pancia, risponde agli stimoli musicali, ad esempio muovendo le labbra. Altri studi, peraltro, hanno confermato che la musica ha effetti positivi sullo sviluppo neurologico del nascituro e persino sul suo udito.

Ecco allora che una startup spagnola ha deciso di passare dalla teoria alla pratica e ha sviluppato il Babypod, un amplificatore vaginale per far ascoltare la musica ai feti. All’apparenenza è come un piccolo tampone, collegato wireless a uno spinotto che si infila a qualunque apparecchio in grado di riprodurre musica.

In teoria, dovreste usarlo al massimo 10-20 minuti al giorno e il volume è regolato a una massimo di 56 decibel, abbastanza per fare di una canzone dei Motorhead un sussurro. Per la cronaca: Babypod è già in commercio e costa 150 euro.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook