1 Febbraio Feb 2016 0942 01 febbraio 2016

Il family day dei perdenti

Nel 2007 in Piazza San Giovanni c’erano tutti, maggioranza e opposizione. Dove sono finiti? Com’è che in otto anni i cattolici si sono condannati all’irrilevanza?

Getty Images 507537184
ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images

La rappresentazione plastica del Family Day di sabato 30 gennaio sono Gasparri, Giovanardi e Quagliariello che stonano “Vincerò” sulle note del Nessun Dorma di Puccini. Erano circa centomila, alla fine dei conti, al Circo Massimo ma potevano essere due, anche tre milioni e non sarebbe cambiato nulla. A oscurarli mediaticamente è stata una Piazza della Scala piena, sì, ma di poche decine di migliaia di persone e qualche manifestazione in giro per l'Italia. Sparuta, avremmo detto, a parti invertite.

Non abbiamo dubbi che per giustificare isolamento e irrilevanza organizzatori e partecipanti al Family Day tireranno in ballo la lobby gay e qualche altra paranoia complottista. Spiacenti, la verità è molto più banale e tremenda: la società sarà pure cambiata quanto volete, ma in otto anni, in soli otto anni, i cattolici hanno perso ogni tipo di rappresentatività politica.

Il Family Day è lo specchio - deformante, forse, ma pur sempre lo specchio - di un pezzo di Paese che si è ritirato sull'aventino della pre-politica, lasciando l'onere di rappresentanza e della rappresentazione alle terze file berlusconiane, ai pokeristi in cerca d'autore, ai fascisti

È stridente confronto tra la piazza San Giovanni del 12 maggio 2007 con Savino Pezzotta, Rutelli, Renzi, Berlusconi, maggioranza e opposizione, messaggi papali e cieli azzurri e il grigio Circo Massimo di Adinolfi, Giovanardi, Gasparri, Meloni e Casa Pound, cui papa Francesco si è ben curato di stare alla larga, cancellando la messa del sabato mattina. Lo è anche quello tra la grigia manifestazione dei “laicisti” di otto anni fa guidata - non ce ne voglia - da Fabio Mussi e Cesare Salvi e le piazze colorate, giovani e festose di una settimana fa.

È un tonfo che prescinde dal merito delle questioni, da torti e ragioni. Quella piazza si concentrò sull'esaltazione della famiglia come nocciolo della società, questa piazza si limita a puntare il dito contro ciò che “è sbagliato”. Quella piazza bloccò i Dico senza nemmeno chiederlo, questa piazza fa il solletico alle unioni civili.

Il segnale è forte e chiaro. Per chi sogna di fare a brandelli il Concordato e quel che è rimasto di cattolico nello Stato, non c'è momento migliore per affondare il coltello. Per chi invece difende i valori della tradizione cristiana è notte fonda. Ed è a quella piazza di sconfitti che dobbiamo porre attenzione. Perché è lo specchio - deformante, forse, ma pur sempre lo specchio - di un pezzo di Paese che si è ritirato sull'aventino della pre-politica, lasciando l'onere di rappresentanza e della rappresentazione alle terze file berlusconiane, ai pokeristi in cerca d'autore, ai fascisti. Cosa pensano i cattolici dell'immigrazione, dei profughi, dell'Europa, dell'Isis? Un tempo ce l'avrebbero detto. Ora cantano “Vincerò”. Contenti loro.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook