17 Marzo Mar 2016 1000 17 marzo 2016

Trent’anni dal metanolo, lo scandalo che ci rese grandi

Lo scandalo fu terribile ma da lì partì la lunga strada del cibo italiano verso la qualità, guidata da Slow Food

Vino Buono
(JOSE LUIS ROCA/AFP/Getty Images)

Ventitré persone morte, altre decine rimaste cieche o con problemi neurologici. Il bilancio umano dello scandalo del vino al metanolo, che scoppiò nel marzo di trent‘anni fa, fu pesantissimo. Quello economico non fu da meno. Le esportazioni di vino furono bloccate in tutto il mondo, dagli Stati Uniti alla Germania il nome dell’Italia fu accostato all’adulterazione e al pericolo di morte. Le vendite crollarono e decine di aziende fallirono.

Era il 18 marzo 1986 quando i primi tre casi di morti per intossicazione da metanolo furono segnalati da un lancio dell’Ansa. Tre etilisti, si disse. L’epicentro dello scandalo fu individuato a Cuneo, dove la ditta Ciravegna produceva vino che veniva imbottigliato da un’azienda di Asti. Ma non era che l’inizio. Nel giro di poche settimane le aziende coinvolte, una sessantina in tutto, spuntarono da tutte le parti, e in particolare nel Centro-Nord. Il Piemonte, dalle Langhe al Monferrato. L’Emilia Romagna, il Trentino Alto Adige, la Lombardia, la Toscana, la Liguria, il Veneto e il Friuli Venezia Giulia seguirono. Al Sud fu coinvolta solo Taranto.

Era il 18 marzo 1986 quando i primi tre casi di morti per intossicazione da metanolo furono segnalati da un lancio dell’Ansa, tra Cuneo e Asti. Ma non era che l’inizio. Nel giro di poche settimane le aziende coinvolte, una sessantina in tutto, spuntarono da tutte le parti, e in particolare nel Centro-Nord

Il paradosso è che a rendere convenienti questi scandali era stato un decreto legge, varato in attuazione di alcune sentenze della Corte di giustizia europea. In sostanza, si detassava il metanolo, che diveniva così dieci volte meno caro dell’alcol etilico. Il metanolo non è altro che un alcol ottenuto per distillazione a secco del legno o per via industriale. A intervenire sul vino ci si metteva un attimo. Furono i morti, che arrivarono quando le percentuali superarono di 25 e fino a 100 volte i limiti di legge, a dare una sveglia tutti.

Come ricostruisce uno studio della Fondazione Symbola e di Coldiretti, la risposta che all’epoca diedero le istituzioni fu radicale e cambiò non solo il mondo del vino ma tutto il settore agroalimentare. La prima misura fu repressiva e vietò la vendita dei prodotti delle ditte inquisite. Ci fu però anche tutta una parte costruttiva: prima un’anagrafe vitivinicola regionale. Poi arrivò l’aumento degli organici dei Nas e degli uffici periferici delle dogane. Fu creato l’ispettorato centrale repressione frodi, con uffici interregionali, regionali e interprovinciali. Si stanziariono 10 miliardi di lire per una campagna straordinaria di educazione alimentare e 5 miliardi per una campagna più specifica sul vino. Intanto le vendite crollavano: il 1986 si chiuse con una contrazione del 37% degli ettolitri e la perdita di un quarto del valore incassato l'anno prima. Ci furono allora misure di sostegno ai prezzi e provvedimenti straordinari per la distillazione e lo stoccaggio. Infine, alla fine del 1986, fu creata un’agenzia per provenire le frodi nei settori che beneficiavano di fondi comunitari (a vedere gli ultimi dati delle frodi di questo tipo, ci sarebbe da rimettere mano alla materia).

Il paradosso è che a rendere convenienti questi scandali era stato un decreto legge, varato in attuazione di alcune sentenze della Corte di giustizia europea. In sostanza, si detassava il metanolo, che diveniva così dieci volte meno caro dell’alcol etilico

Cominciò quindi a cambiare la mentalità e un contributo decisivo lo diedero, e continuano a darlo, associazioni come Slow Food, che nacque proprio in Piemonte, la regione più colpita dallo scandalo e oggi sinonimo di prodotti di alta qualità. «Oggi la situazione è del tutto diversa - spiegano Symbola e Coldiretti - e il vino italiano è un’eccellenza mondiale. Tuttavia, per il vino come per gli altri settori del Made in Italy, vale la regola che anche le posizioni di maggiore vantaggio vanno salvaguardate», con politiche di marketing, azioni di tutela dei vitigni autoctoni e investimenti in ricerca.

Non tutto filò liscio. Il fallimento di decine di aziende coinvolte ebbe come conseguenza che le vittime non riuscirono a ottenere i risarcimenti. Gli scandali di sofisticazione si sono ripetuti, soprattutto riguardo al Brunello di Montalcino, anche se senza conseguenze tragiche. La svolta, però, era avvenuta.

Per certi versi, scrivono nell’introduzione Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti, ed Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola, la mutazione del vino italiano dopo lo scandalo del metanolo si può leggere come una metafora dell’evoluzione delle produzioni italiane in vari settori: dalle calzature alla meccanica che esportiamo. Nel 1986 producevamo il doppio del vino e lo vendevamo a un valore complessivo che, a prezzi attualizzati, era la metà di quello odierno. Lo stesso, in effetti, vale per le nostre scarpe, per gli occhiali, per i mobili da cucina e l’abbigliamento in pelle. Anche quando la produzione è aumentata, è cresciuto proporzionalmente di più il prezzo medio. Il made in Italy ha un grande mercato all’estero. Mantenerlo attrattivo mentre il resto del mondo si attrezza e alza la qualità dei prodotti richiede investimenti continui. Possibilmente senza nuovi scandali a fare da pungolo.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook