5 Aprile Apr 2016 1019 05 aprile 2016

Sorpresa: il cinema italiano è più vivo che mai

Lo chiamavano Jeeg Robot, Perfetti sconosciuti, Suburra e Veloce come il vento: negli ultimi mesi nel cinema italiano qualcosa è cambiato e se una rondine non fa primavera, quattro film bastano a far sperare finalmente un futuro per il cinema italiano

1454676997 Lochiamavanojeeg 1280B 1280X628

Suburra a novembre, Lo chiamavano Jeeg Robot a fine febbraio e poi, ora, ad inizio primavera anche Veloce come il vento. Tre film, di tre generi diversi tra loro che, oltre al fatto di essere rigorosamente made in Italy, hanno un minimo comune denominatore molto interessante: sono tre dimostrazioni di come si possa fare del cinema in questo paese senza dover stiracchiare il solito bolo stramasticato e il tono ritrito della commediola cum morale, scritta dalla solita manciata di sceneggiatori, girata dalla solita manciata di registi e interpretata dalla altrettanto solita manciata di attori, quasi sempre predotati di comparsate televisive.

Qualcosa sta cambiando nel cinema italiano? La prima risposta è di sicuro un “Calma, perché è sempre presto per dirlo”, ma, contemporaneamente, viene da dire “SI!”, con la potenza che si dà nelle risposte perentorie e convinte, sostenute dall'ottimismo che si deve alle cose certe. Sì, è certo: qualcosa sta cambiando nel cinema italiano: e la speranza è che sia finito il tempo dei compitini e dei film precotti, fatti non per il piacere di fare cinema e di raccontare una storia, ma per professione, nel senso più deteriore dell termine, ovvero con lo stesso entusiasmo e urgenza dell'impiegato delle poste a una settimana dalla pensione. O per dire di averli fatti.

Suburra, Lo chiamavno Jeeg Robot, Veloce come il vento. Ed è come se in una stanza le cui finestre erano sprangate da un ventennio, qualcuno abbia di colpo deciso di aprire gli scuri e spalancare le finestre. La sensazione è proprio quella di respirare aria nuova nel cinema italiano. Questi tre film, e altri in arrivo, lo dimostrano. Non soltanto per le storie potenti e originali che mettono su pellicola, e neppure per l'ottima qualità dello scritto, del girato, del fotografato e del recitato.

La miglior novità è nel modo di porsi, nel coraggio che una leva finalmente interessante di registi e sceneggiatori sta sfoderando. Un coraggio che si misura nel tentativo di trapiantare, senza alcun tema di rigetto, un genere complicato come il Superhero a Tor Bella Monaca; o nel sapere aggiungere potenza e convinzione, con Suburra, a un altro tassello a un genere che, dopo Romanzo Criminale e Gomorra (entrambi, come Suburra, progetti trifasici libro-film-serie tv) qualcuno iniziava a dare per scontato.

«La novità è nel coraggio di uscire dai soliti schemi produttivi, nell'usare un approccio moderno ai generi, al di là delle solite farse regionali, e alle forme di comunicazione e promozione, che vadano cioè oltre le comparsate televisive della domenica pomeriggio», dice il direttore di Best Movie Giorgio Viaro, che da mesi sostiene a gran voce, sia dalle pagine della rivista che dal suo profilo Facebook, l'importanza di questo nuovo corso per il cinema italiano. Un nuovo corso a cui Viaro aggiunge anche Perfetti sconosciuti, il dramacomedy del regista Paolo Genovese, che ha dimostrato «che anche battendo sentieri noti si possono alzare gli standard di scrittura, messa in scena e recitazione».

E i risultati al botteghino? Ci sono e fanno ben sperare. Ce l'ha fatta Stefano Sollima, figlio d'arte che, con Suburra, ha fatto un colpo da ìcinque milioni di euro quasi tondi al box office, girando un film talmente potente e originale da convincere Netflix ad acquisire i diritti della pellicola — Suburra è stato il primo film italiano proposto in streaming legale in contemporanea alla proiezione al cinema — ma anche della serie che ne verrà tratta e che sarà la prima serie tv originale di Netflix prodotta in Italia.

Anche Gabriele Mainetti con Lo chiamavano Jeeg Robot, il suo primo lungometraggio, a cuo modo ce l'ha fatta e anche alla grande. Con un film praticamente autoprodotto di un genere quasi inedito in Italia — su queste pagine lo abbiamo definito Spaghetti Superhero — ha convinto Lucky Red a investire sulla promozione, arrivando in cinque weekend a superare i 3 milioni di incasso — circa il doppio del suo costo — superando quasi tutte le commedie italiane di questi ultimi mesi: da Se mi lasci non vale di Vincenzo Salemme (2,4 milioni) a Tiramisù di Fabio De Luigi, 2,2 milioni, passando per Forever Young di e Assolo di Laura Morante, fermi a 1,7 milioni, e Onda su onda di Rocco Papaleo, a 650mila euro.

Forse non sarà l'inizio di una nuova stagione del cinema italiano, ma intanto, aspettando i risultati al botteghino di Veloce come il vento e l'esito dei prossimi Mine e Monolith, su cui c'è grande attesa, questi tre indizi formano una prova: che qualcosa sta cambiando nel cinema italiano, quanto meno a livello generazionale, e che produrre film ispirati, originali e coraggiosi è possibile, anche in Italia.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook