22 Aprile Apr 2016 1237 22 aprile 2016

I cinque motivi del boom di Rischiatutto (2.0)

Il vintage funziona, come insegna la Tipo di Montalbano. Fazio sa come surfare su queste onde: senza cedere ai social network e con poche novità azzeccate

Rischiatutto

Non c'erano dubbi che Rischiatutto avrebbe fatto il botto (oltre 30 per cento di share e 7,5 milioni di telespettatori). Bastava non inventare troppo, non stravolgere il format originale di Mike Bongiorno aggiornandolo solo un po', con un tocco d'ironia e di scanzonatura, la sfumatura che Fabio Fazio indossa meglio di questi tempi. Fatta questa premessa, i motivi del successo della serata d'esordio del Rischiatutto 2.0 sono molteplici.

1- La forza del format. Intanto: del 2.0, inteso come aggiornato ai tempi del web, non c'è traccia. Niente televoto, niente social network e cinguettii vari in tempo reale. Il quiz classico, tradizionale, senza spezie virtuali e internettose, il padre di tutti i telequiz è più che sufficiente ad attrarre il grande pubblico.

2- Il retrogusto vintage. Indovinata l'idea di mantenere studio, cabine, tabellone, grafica e musiche originali, e tutti i piccoli riti inventati da Mike, la prova pulsante, le buste, la chiusura delle cabine, le gag con il Signor No, Ludovico Peregrini, soddisfacendo il feticismo dei cultori. Indovinata anche l'idea di partire con il bianco e nero per poi colorare l'ambiente. Nostalgia stuzzicata nelle giuste dosi, senza eccessi e indugi compiaciuti. Il vintage funziona, come insegna la Tipo di Montalbano. Fazio sa come surfare su queste onde, Anima mia docet.

3- Il format largo. Rischiatutto fu campione di ascolti nei primi anni '70, quando Christian De Sica era giovane, Fabrizio Frizzi adolescente, Lorella Cuccarini, Fabio De Luigi e Maria De Filippi bambini. I ragazzi di adesso, invece, ne hanno sentito parlare da genitori e nonni e un pizzico curiosità ce l'hanno. Mike riusciva a trasformare i concorrenti in caratteristi e a imprimerli così nell'immaginario, motivo per cui i telespettatori dell'epoca erano curiosi di rivedere la mitica signora Longari e il bizzarro Andrea Fabbricatore cinquant'anni dopo. La traversalità generazionale era uno degli obiettivi di Fazio. Missione compiuta.

Continua a leggere su Cavevisioni

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook