21 Maggio Mag 2016 0810 21 maggio 2016

Istruzioni della Cia per scrivere messaggi invisibili

Sono documenti declassificati risalenti agli anni della Prima Guerra Mondiale. Si insegna a creare e utilizzare l’inchiostro simpatico e a leggere le lettere senza farsi scoprire

Getty Images 3397181
Central Press/Getty Images

Dopo aver lasciato passare un ragionevole lasso di tempo (circa un secolo!), la Cia ha deciso di de-secretare alcuni dei suoi documenti considerati “importanti”. Li ha pubblicati sul suo sito (li si trova tutti qui) e riguardano una delle tecniche più usate dai suoi agenti, tanto popolare da essere finita in film e romanzi: l’inchiostro simpatico.

I moduli descrivono come fabbricare l’inchiostro simpatico e, soprattutto, dove nascondere gli elementi essenziali per farlo. Come l’amido: il bravo spione lo nasconderà nel luogo in cui deve stare, cioè nel colletto della camicia. Poi lo “cucinerà” insieme agli altri ingredienti, nelle quantità e nelle modalità previste dalle istruzioni della Cia.

I documenti risalgono al periodo della Prima Guerra Mondiale, cioè al 1917 e al 1918. Sono stati declassificati solo nel 2011, dopo che secondo il direttore Leon Panetta «l’avanzamento tecnologico ha reso non più indispensabile la loro segretezza». Del resto, è difficile immaginare qualche spia che lavora ancora con gli inchiostri simpatici. «E quando le informazioni storiche non sono più sensibili, possiamo condividerle con il popolo americano».

E non solo: nei documenti ci sono anche le formule utilizzate dai tedeschi e utili insegnamenti per aprire lettere senza farsi scoprire. Tutto sommato, nonostante quello che dice Panetta, sono cose utili ancora oggi.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook