13 Luglio Lug 2016 0712 13 luglio 2016

Parole d’amore intraducibili per sentimenti inesprimibili

Ogni lingua è limitata: per dire ciò che il cuore sente non si trovano mai le espressioni giuste. Spesso, però, si trovano in altri linguaggi

Schermata 2016 06 30 A 12

Esiste una sola condizione esistenziale in cui l’uomo rimane senza parole: l’innamoramento. Il pasticcio di emozioni che cominciano a correre nel cuore confonde tutto, la confusione generale, l’energia insospettata che riposava sottopelle, il dolore improvviso, la capacità di sognare che sembra davvero di poter volare. Bene, bello, bis. Tutto resta inespresso, se non citando versi di poeti (quando va bene) o di canzoni di Fedez (quando non va bene). Il problema è che ogni lingua, limitata per definizione come è ogni cultura, non ha le parole per raccontare tutto ciò che si prova. Ma se le si mette insieme, forse il quadro si arricchisce.

Ci ha provato Andrew Norton, con A Series of Untranslatable Words About Love. Parole d’amore intraducibili, che colgono una sfumatura ciascuno. Si scopre allora che forelsket indica, in norvegese, quel sentimento di euforia che si prova appena nasce una storia d’amore. E se si parla Ndebele, si conoscerà senza dubbio il termine Ubuntu, che oltre a essere lessico comune per gli informatici, vuol dire: “trovo in te il mio valore e tu trovi il tuo in me”. Molto bello.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook