13 Luglio Lug 2016 1113 13 luglio 2016

Sempre più tardi e sempre più caro: come funziona il matrimonio in Italia

Secondo una ricerca, gli italiani si sposano, in media, dopo i 35 anni (i maschi). Colpa della crisi, del lavoro e di una certa voglia di godersela oltre il tempo massimo. Quando succede, però, si spende assai

Getty Images 53102602

Per pagare e morire c’è sempre tempo. A quanto pare, anche per sposarsi. Gli italiani non hanno fretta di farlo. Forse sono i costi che li spaventano (una cerimonia fatta secondo tutti i crismi può arrivare a costare 16mila euro (sopra la media mondiale, che è di 14mila euro), e non tutti se la sentono di metterceli), forse un istinto da vitelloni, forse anche il fatto che la vita è difficile, le relazioni complicate e, in fondo, va bene così: da eterni fidanzati, conviventi, quasi-amici. E allora si arriva, in scioltezza, a una media di 35 anni (per lui) e 33 anni (per lei).

All’estero ci mettono meno tempo. In Brasile – per fare un esempio – l’uomo entro i 30 è quasi sempre sposato, le donne a 28. Lo spiega uno studio condotto da Zankyou, portale di nozze che, dopo aver fatto un sondaggio internazionale su 15mila coppie di 20 Paesi, ha espresso una classifica impietosa. Gli italiani? Tra gli ultimi.

Eppure sarebbe meglio darsi una mossa. Più che la logica, lo suggerisce un’altra ricerca, stavolta condotta da Nicholas Wolfinger, sociologo americano e insegnante presso l’Università dello Utah: le possibilità di divorzio tra le coppie di sposi dipendono dall’età. Il periodo migliore è compreso tra i 25 e i 32 anni. Dopo, è troppo tardi. E allora sotto con le danze e gli inviti: la stessa ricerca la media di invitati a un matrimonio è di 149 (potevano anche arrotondare a 150, ma si vede che vogliono fare le cose precise). Come al solito i tedeschi sono quelli che contengono i bilanci, e arrivano solo a 89 invitati. I messicani, che invece non hanno nessun vincolo del 3%, esagerano arrivando a quota 202. L’Italia invece è sotto la media: 122 invitati. E ciascuno costa 95 euro.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook