22 Settembre Set 2016 1153 22 settembre 2016

Chi vincerà il Nobel per la Letteratura? Si accettano scommesse

I più avventurosi si buttano su Claudio Magris, ma per i broker il nome giusto è Haruki Murakami. Molto poco da Nobel, in realtà

Getty Images 2643140
Keystone / Getty Images

Nonostante le decisioni della Commissione per il Nobel siano imperscrutabili – impossibili da divinare prima e, soprattutto, da comprendere poi – esiste una genìa di persone che, incrollabile, scommette sul vincitore del premio Nobel per la Letteratura.

“Scommette” va inteso in senso proprio: sono persone che puntano soldi, scuciono di tasca propria, mettono sul piatto. E questa è tanto più coraggiosa e ammirevole perché si tratta di una scommessa vera: non basta essere esperti di letteratura, critici o avidi lettori per avere una possibilità di azzeccarla. L’accademia segue percorsi suoi – chi poteva prevedere i nomi di Tomas Tranströmer o di Patrick Modiano? Chi si immaginava che ci avrebbero infilato anche la celebre Alice Munro? E chi conosceva Svetlana Aleksievic, che non è nemmeno un’autrice letteraria? – percorsi distaccati dal resto del mondo, imprevedibili, più casuali del caso.

I nomi su cui gli scommettitori puntano, i cavalli forti, sono sempre gli stessi. Al terzo posto c’è Philip Roth, eterno non-vincitore, dato 8 a 1. Chi ci mette i soldi lo fa o per tributo all’autore, o per ossequio alla malattia italiana dei numeri ritardatari (“prima o poi uscirà”) o, infine, perché sotto sotto crede che all’Accademia di Svezia si ragioni come all’Academy degli Oscar, cioè che se Leonardo Di Caprio ha vinto, succederà lo stesso anche a Roth. Niente di più sbagliato.

Al secondo posto, dato 7 a 1, figura un autore più da Nobel, cioè il keniota Ngugi Wa Thiong’o. È, per chi non lo conoscesse, uno dei più importanti autori africani. A sostegno della sua candidatura c’è l’amore dell’Accademia per gli autori meno battuti, il carattere sociale delle sue opere e, soprattutto, il piacere dei giurati di vedere i giornalisti in difficoltà con lo spelling.

Il più gettonato, però, pare sia un poco probabile Haruki Murakami, dato 5 a 1. Sarebbe una scelta molto irrituale. Autore famoso, apprezzato, molto venduto. Proprio ciò che ai soloni del Nobel non piace. In più è giapponese, e prima di lui sono stati premiati solo in due: Yasunari Kawabata nel 1968, autore di grande spessore (ma non molto tradotto) e Kenzaburo Oe nel 1994, autore dai toni poetici e per nulla tradotto all’estero. Murakami non c’entra.

Insomma, il trio dei papabili è questo. Altri si avventurano su altri nomi, come Ismail Kadare, ottantenne autore albanese, dato 16 a 1 come la scrittrice Usa Joyce Carol Oates. Dietro rimangono il drammaturgo norvegese Jon Fosse e il poeta libanese Adonis. In fondo, con un 33 a 1, un inaspettato Claudio Magris. Poco probabile, ma chissà. Chi può impedire che le vie del Nobel prendano la corrente del Danubio?

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook