19 Ottobre Ott 2016 0840 19 ottobre 2016

Lo humour anglosassone, spiegato con un esempio

Basta prendere una tipica barzelletta per bambini, ambientarla in un contesto di "creativi" e creare, insieme, una situazione ironica. In un minuto

Schermata 2016 10 18 A 17

Un cavallo entra in un bar e chiede una birra. Il barista gli chiede: “Perché quel muso lungo?”. Questo è un esempio del tipico humour anglosassone. Merce che, come è evidente, è meglio non importare. Al contrario, questo breve film (sempre anglosassone), mette in scena tutt’altra situazione. Ed è molto, molto simpatico.

Il titolo dice tutto: Uno scrittore e tre script editor entrano in un bar. Cosa mai potrà succedere? Semplice, che i tre script editor, come tutti i loro omologhi del mondo, cominceranno a fare le pulci a ogni dettaglio, con interventi pedanti e noiosi. E il povero scrittore, in tutto questo, vuole solo raccontare una barzelletta.

Il piccolo video è un gioiello perché riassume, in poco più di un minuto, tutto un modo di lavorare: la creatività e le briglie della realtà, le idee e il richiamo alla realtà. Un po’ di satira, un po’ di humour. Anglosassone.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook