21 Ottobre Ott 2016 1410 21 ottobre 2016

Sorpresa! L’Italia è il Paese più “green” d’Europa (che ci crediate o no)

Dall’inizio della crisi sono aumentate le imprese che investono in processi ecosostenibili e i Comuni hanno fatto la loro parte. Risultato? Nessuno in Europa è eco-efficiente quanto noi. Tutti i numeri del rapporto “Green Italy”

Getty Images 157854570
ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images

Premessa per le dita alzate: conosciamo lo stato dell’aria nella Terra dei Fuochi e in Pianura Padana. Sappiamo le percentuali di bambini ammalati di tumore in provincia di Taranto. E, più in generale, non siamo ciechi di fronte alle tante criticità ambientali - figlie di scelte di sviluppo scellerate, ma anche di una peculiare geomorfologia del territorio italiano - del nostro Paese. Però, per una volta, dobbiamo stringerci la mano da soli. Agli imprenditori, soprattutto. Perché nessun Paese europeo, che ci crediate o meno, ha risposto alla crisi investendo in tecnologie e processi produttivi a basso impatto ambientale quanto l'abbiamo fatto noi.

È questo, soprattutto, che racconta il rapporto Green Italy di Unioncamere e Fondazione Symbola. Di un sistema produttivo primo in Europa per bassa produzione di rifiuti e riciclo industriale e secondo solo alla Germania per il recupero degli imballaggi (siamo al 66,9% contro il loro 71,8%) e al Regno Unito per emissioni energetiche e input di materia per unità di prodotto. Di un Paese leader europeo nel consumo di energia da fonti rinnovabili, passato dal 6,3% del 2004 al 17,1% del 2014. Di 2660 comunità che sono riuscite a produrre energia elettrica da fonti rinnovabili superiore a tutta l’energia consumata dai loro cittadini. Di 1250 sindaci che sono riusciti a portare i loro comuni sopra il 65% di raccolta differenziata. Di 525 tra loro che sono addirittura riusciti a far sì che i loro cittadini riducessero i loro rifiuti indifferenziati sino a 75 kg l’anno. Risultato? Nella graduatoria dei Paesi dell’Unione Europea per indice di eco-efficienza siamo secondi solo al Lussemburgo, davanti a Danimarca, Olanda, Francia, Germania, Svezia. Paesi che, in altri contesti, consideriamo giustsamente come dei manuali viventi di educazione civica.

Nella graduatoria dei Paesi dell’Unione Europea per indice di eco-efficienza siamo secondi solo al Lussemburgo, davanti a Danimarca, Olanda, Francia, Germania, Svezia. Paesi che, in altri contesti, consideriamo giustamente come dei manuali viventi di educazione civica

Non sono santi, né benefattori, gli imprenditori e i cittadini che hanno permesso di raggiungere questo risultato. Semplicemente, hanno capito che investire nella green economy conviene. Chi investe in tecnologie, processi, lavorazioni eco-sostenibili cresce all’estero del 18,3% in più, innova il 14,4% in più, realizza performance di fatturato migliori del 13,3% e, giocoforza, assume più forza lavoro. Uno spread, questo, di cui il governo dovrebbe tenere conto, nel suo distribuire incentivi alle imprese: «Il nostro posto nel mondo non è quello della competitività a bassi prezzi e dumping ambientale e sociale, ma quello della qualità, fatta di cura dei dettagli, di attenzione al capitale umano, di coesione, bellezza, innovazione e sostenibilità - afferma Ermete Riallacci di Fondazione Symbola, nel presentare il rapporto -. Investendo green le aziende diventano più sostenibili e soprattutto più competitive e aprono un sentiero che va verso il futuro». Forse servirebbe qualcosa di più di un sentiero.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook