28 Ottobre Ott 2016 0820 28 ottobre 2016

Altro che Roma: anche in Inghilterra c’è una crisi dei frigoriferi, ed è seria

Nell’Hampshire il ciclo della raccolta e del riciclo degli elettrodomestici si è bloccato. Le discariche sono piene, i cittadini non sanno cosa fare. Le istituzioni, intanto, scaricano il barile

Getty Images 51789816
Alex Livesey / Getty Images (Immagine di una discarica di Manchester)

Virginia non lo sa, ma al mondo esiste qualcuno che può comprendere i suoi dolori: gli abitanti dell’Hampshire, contea nel sud dell’Inghilterra. Anche lì c’è un problema, molto serio, con frigoriferi e freezer. La differenza è che lì c’è davvero, non si tratta di un complotto e suscita diverse difficoltà.

Tutta la macchina del riciclo della zona, a causa della crisi, è andata in tilt: le isole di smaltimento sono piene, i cittadini non sanno più dove mettere gli elettrodomestici rotti, e il rischio è che, sull’onda delle proteste, possano seguire l’esempio di Roma, o almeno della Roma descritta da Virginia Raggi, e cioè abbandonarli per strada.

Secondo la legge inglese, la responsabilità della collocazione di freezer e frigoriferi spetta ai produttori. Ora però tutto il sistema che avevano approntato (con il benestare del governo) si è bloccato: i frigoriferi non vengono più recuperati, i freezer restano ammassati – sono oltre 2.500 – e non c’è più spazio per nuovi arrivi. È un problema. Hampshire come Roma.

“Sono molto deluso di vedere che la questione del riciclo dei frigoriferi, che è un tema nazionale, stia avendo un impatto sui residenti dell’Hampshire. Sono mesi che la cosa va avanti e nessuno ha fatto qualcosa per risolverla”, spiega il consigliere della contea Rob Humby. La colpa, però, non è degli amministratori locali, “ma del governo”. Lo scaricabarile (o meglio, lo scaricafrigorifero) è già cominciato: colpa dei costruttori? No, degli amministratori. Anzi, del governo centrale. E allora?

Allora tutto resta fermo come è. I cittadini inglesi aspettano, nessuno si muove, i frigoriferi si usurano. E non li possono nemmeno lasciare per strada, altrimenti sembra che vogliano fare uno scherzo al sindaco.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook