17 Novembre Nov 2016 1044 17 novembre 2016

Obama farà l’expat e diventerà primo ministro inglese: lo chiede il web

Ormai l’epoca del presidente democratico in America è finita. Ma nulla vieta che ne cominci un’altra in Inghilterra. Sul web la proposta impazza: "Obama lasci gli Usa e venga a governare da noi". Quando si dice sudditanza

Getty Images 114589728
WPA Pool / Getty Images

Sarebbe il modo migliore per coronare il 2016 e tutte le sue follie: lo chiedono in tanti, lo pensano anche di più. Barack Obama, lasciando il suo incarico alla Casa Bianca, potrebbe trasferirsi in Inghilterra e, diventato cittadino britannico (melius: del Commonwealth, per cui in teoria potrebbe perfino diventare canadese) salire alla carica di Prime Minister, nominato, perché no, proprio dalla Regina. Oltre a essere il primo presidente nero americano, sarebbe anche il primo presidente nero inglese.

L’idea folle, la cui realizzazione richiede solo qualche anno, è nata e vive su Twitter. Con ogni probabilità morirà anche lì, ma intanto sarà passata sulle pagine di qualche giornale, dall’Independent fino a, in via più modesta, LinkPop:

Se gli americani hanno finito con Barack, allora lo possono anche “prestare” agli altri, no?

Ancora una volta, una petizione. Gli inglesi del dopo-Brexit sembrano fissati

Ma ce n’è anche per Michelle, anche lei adorata:

Una proposta incredibile, se si pensa a tutto l’orgoglio e l’alterigia del mondo inglese. Nemmeno in Italia era mai successo (solo una volta con Tony Blair, e a invitarlo era stato – pensate un po’ – Fabio Fazio). Ma le cose cambiano, e a tempi eccezionali come questi, servono leader eccezionali. L’America ha scelto Trump, gli inglesi si accontentano di Obama.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook