17 Marzo Mar 2017 1704 17 marzo 2017

Il problema degli italiani che non sanno l’inglese e se ne vantano

Una vergognosa classifica mette l’Italia nei piani bassi in tutta Europa. Qui l’inglese si parla male. Meglio di tutti gli olandesi (e fin qui). Ma il problema è che ci battono perfino gli spagnoli

000 Par7843488
AFP PHOTO / QUIRINALE PRESS OFFICE

Qualcosa non va. Nonostante da più di un anno LinkPop si impegni nell’alfabetizzazione inglese della popolazione italiana, il Paese resta piuttosto indietro. Lo dicono i dati di Education First EPI, che ha monitorato i risultati dei vari cittadini europei, Stato per Stato, e ne ha tratto conclusioni per noi poco lusinghiere.

In Italia l’inglese è parlato male. Non malissimo, per carità, ma nemmeno bene. Secondo le classifiche, gli italiani hanno una conoscenza “moderata” della lingua di Shakespeare. Sanno “partecipare a incontri in cui si parla di cose già conosciute; capire i testi delle canzoni; scrivere email di lavoro su argomenti noti”. Di più, no, nin zo.

Al primo posto, tra i non native-speaker, ci sono sempre gli olandesi. Primi in Europa e in tutto il mondo. Sanno “utilizzare l’inglese in ogni situazione con sfumature e appropriatezza; leggono testi complicati senza problema; negoziano un contratto con un parlante inglese”. Insieme a loro – o meglio poco dopo – ci sono i danesi e gli svedesi. Chiaro, li aiuta il fatto di appartenere allo stesso ceppo linguistico, anche se i tedeschi, chissà perché, risultano poco meno bravi di loro (ma sempre più bravi degli italiani, e anche i polacchi ci superano).

Questa è una mappa che illustra, in modo immediato, la triste posizione italiana. Il blu è riservato ai Paesi che parlano bene inglese, mentre il verdino (il nostro) è per chi lo parla in modo “moderato”. La cosa più grave, però, non è questa. La cosa più grave è un’altra. La cosa più grave è che sopra l’Italia c’è la Spagna. Nella classifica mondiale siamo al 28esimo posto, mentre Madrid è al 25esimo. Vergogna nazionale.

L’unica cosa che potrebbe consolarci (ma non lo farà) è notare che, sotto gli italiani, ci sono i francesi. Bella forza, diranno i nostri lettori. Quelli nemmeno ci provano, a parlare in inglese. E comunque sono lì, a pochi punti.

Insomma, sul fronte dell’inglese, per gli italiani non c’è altro che contrizione e dolore (come si addice a un giorno di Quaresima). Tutti si dovranno impegnare di più, studiare di più, ascoltare più musica e guardare più film, leggere più libri e giornali. E a chi si lamenta che facendo così si dimenticano le radici nazionali, si getta alle ortiche un patrimonio culturale millenario, si oscura una letteratura ricchissima e bella – tutte idiozie mascherate da finto patriottismo, in realtà originate dal mix letale di pigrizia e stupidità – si risponda così: “Neither you nor I speak English, but there are some things that can be said only in English”, come diceva Aravind Adiga. Tanto non vi capiranno.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook