29 Giugno Giu 2017 0851 29 giugno 2017

Tecnologia, i canguri mettono in crisi le auto che si guidano da sole

Gli animali, dal comportamento imprevedibile, non rientrano negli schemi dei rilevatori delle self-driving car: sia perché saltano, sia perché hanno un comportamento, di fronte alle auto, che non rientra in alcuna logica

000 APH2002072299771
WILLIAM WEST / AFP

Come sa chiunque si sia trovato a guidare lungo le strade dell’Australia, i canguri sono imprevedibili. Saltano a destra, a sinistra, senza motivo. Non si spostano di fronte alle automobili e, quando lo fanno, aspettano l’ultimo momento. Giocano con le auto: escono dalla carreggiata e vi rientrano all’improvviso, per tuffarsi sotto le gomme in una gara di velocità. Sono degli animali pericolosi. Non a caso, l’80% degli incidenti con gli animali avviene con i canguri. Se si aggiunge che sono, di norma, animali notturni, si capisce che anche la scarsa visibilità peggiora il quadro.

Il problema riguarda i canguri (che ci restano secchi), gli automobilisti (che ci rimettono un sacco di soldi, oltre che tempo) e – a quanto pare – anche i software per le macchine-che-si-guidano-da-sole.

Lo ammette (qui) anche la Volvo: i canguri sono un problema per i sensori. I loro movimenti, le loro evoluzioni mettono in difficoltà il sistema di radar e di telecamere che dovrebbe garantire una guida sicura. Sfuggono agli schemi, mettono in difficoltà i computer, creano caos. Salire su una self-driving car nelle notti australiane, per ora, non è una buona idea.

La casa automobilistica svedese si è posta come obiettivo di eliminare incidenti mortali con le sue macchine entro il 2020. Però deve fare i conti gli animali che saltano. Il suo Large Animal Detection, studiato per gli alci, i caribu e le renne, non funziona con i canguri: “Quando l’animale è a mezz’aria i sistemi lo individuano come un ostacolo lontano, per cui fanno procedere la macchina. Ma quando tocca terra appare – come è – un ostacolo vicino”. Per cui le frenate saranno improvvise, non tempestive, rovinose. La tecnologia deve ancora studiare.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook