7 Ottobre Ott 2017 0830 07 ottobre 2017

L’azienda cinese che delocalizza negli Usa e crea magliette in 30 secondi (con i robot)

Non è il reshoring immaginato da Trump, ma qualcosa si muove. Un’azienda cinese diventa ipercompetitiva azzerando il costo del lavoro attraverso l’automazione e approda in Arkansas. "I nostri prezzi sono imbattibili", dice il capo

000 T46XI
GEOFF CADDICK / AFP

Per fare una maglietta basteranno trenta secondi e nessun operaio. È il made in Usa del futuro prossimo: a partire dal 2018 l’Arkansas ospiterà uno gli stabilimenti della Suzhou Tianyuan Garment Company, azienda cinese del tessile. La promessa del presidente Trump di riportare in patria le aziende fuggite all’estero è mantenuta per metà: ci sarà del lavoro in più, ma non è americano e, soprattutto, a fronte di una produzione di 23 milioni di t-shirt all’anno, sarà solo per 400 persone. Miracoli dell’automazione.

Il processo di produzione è tutto meccanizzato. I nuovi assunti saranno persone dotate di alta specializzazione e, di conseguenza, gli operai semplici non serviranno più: al loro posto ci sono le macchine. Ma la vera rivoluzione è un’altra: con questo nuovo processo produttivo l’azienda cinese delocalizzata sul territorio statunitense farà concorrenza alle aziende americane delocalizzate sul territorio cinese. Un po’ come dire che il primo mondo diventa secondo, e il secondo diventa primo.

“Nessuno al mondo, nemmeno se si trova nel luogo dove il mercato del lavoro è il meno costoso, può competere con noi”, ha detto Tang Xinhong, presidente dell’azienda, su China Daily. I prezzi gli danno ragione: ogni pezzo costerà 0,33 dollari, richiederà un tempo compreso tra i 22 e i 26 secondi. Certo, è solo l’inizio, l’eccezione a un’ondata. È possibile che l’Arkansas diventi la nuova regione del lavoro gratuito ma, per il momento la Cina resta la prima a produrre e poi esportare vestiti negli Usa (28 miliardi di dollari nel 2016), subito seguita da Vietam e Bangladesh. Le aziende americane, attratte dai bassi costi del personale straniero, si spostano ancora. Forse un giorno il vuoto che lasceranno lo riempiranno quelle straniere. Insieme ai robot.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook