31 Ottobre Ott 2017 1145 31 ottobre 2017

Il codice verde di Matrix? In realtà erano ricette di sushi

Sembravano numeri e simboli messi a caso, ma non è così. Si trattava della ricomposizione di un libro di ricette giapponesi della moglie di uno dei grafici del film

Create Matrix Falling Code Notepad

Numeri e lettere senza senso. Questa è la risposta che, finora, si erano date le poche persone che si erano chieste cosa fossero, in realtà, quei codicini verdi che scorrevano all’impazzata sugli schermi di Matrix. Ebbene, si sbagliavano.

Secondo alcune rivelazioni, avvenute circa vent’anni dopo l’uscita del primo episodio della trilogia delle sorelle Wachowski (ma all’epoca erano ancora i fratelli Wachowski), il codice era composto da caratteri giapponesi provenienti da un libro di cucina, di proprietà della moglie di uno dei grafici del film, Simon Whiteley.

“È una cosa che adoro raccontare”, spiega l’uomo alla Cnet. “Il codice di Matrix altro non è che una ricetta di sushi”, e ridacchia. I caratteri erano stati scannerizzati e scomposti, per evitare che il pubblico giapponese, vedendo il film, mangiasse la foglia (o meglio, l’alga).

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook