Dossier
L’aziendalese
18 Dicembre Dic 2017 0755 18 dicembre 2017

Salvate il sito internet aziendale, regno delle frasi fatte e dell’autoreferenzialità

Tutti siamo leader, tutti coniughiamo tradizione e innovazione, ma ci dimentichiamo le informazioni più importanti. Piccolo compendio per non fare disastri (o per rimediarli) nella creazione della vetrina web della vostra impresa

Sito Internet Linkiesta

Il sito. È qui che l’aziendalese si esprime al meglio! Il sito è importante, ma pare che in azienda siano in pochi ad esserne consapevoli, management in primis. Perché è importante? Perché la prima impressione conta, conta eccome. Spesso gli altri fanno la nostra conoscenza proprio accedendo al nostro sito. Leggono quello facciamo e il più delle volte iniziano dalla home. E lì, come iniziano, finiscono.

Le pagine che soffrono di più sono la home, il chi siamo con aggiunta di valori e mission: il trionfo dell’autoreferenzialità, dei tecnicismi ignobili, del barocchismo più esasperato, della ripetizione di concetti vuoti. Siamo tutti leader, abbiamo successo da sempre, per non parlare di come sappiamo capire i bisogni dei clienti e sposare innovazione e tradizione! Abbiamo anche a cuore le persone e mettiamo al centro i clienti e, come va di moda oggi, anche i collaboratori. E così i nostri lettori, sempre più assopiti e meno interessati, si domandano che cosa facciamo veramente, chi ci sia al di là di quel gelido e inerme schermo, e soprattutto si chiedono perché dovrebbero anche solo avere voglia di scoprire di più.

Il sito è un biglietto da visita. Non è tutto, ma è molto. Come le cucine di un ristorante: se ci capitasse di buttarci l’occhio e scoprirle sporche, disordinate e maleodoranti, per quanto bella e raffinata possa essere la sala, ci sarebbe qualcosa di dissintono che ci infastidirebbe e influenzerebbe il nostro giudizio e persino la percezione della qualità del cibo. Spesso ci si concentra di più sugli aspetti architettonici del sito, a discapito della parte più importante: come raggiungerci e contattarci. Non ci sono ricette magiche, ci sono alcuni consigli che possono migliorare la leggibilità e prolungare la permanenza dei lettori. A nessuno piacerebbe che un ospite se ne andasse dopo poco infastidito dalla nostra accoglienza, no?

Siamo tutti leader, abbiamo successo da sempre, per non parlare di come sappiamo capire i bisogni dei clienti e sposare innovazione e tradizione! Abbiamo anche a cuore le persone e mettiamo al centro i clienti e, come va di moda oggi, anche i collaboratori

  1. Come diceva Donald Murray “La brevità viene dalla selezione e non dalla compressione”.
  2. L’occhio di terzi: fate leggere il sito ad un bambino di 10 anni. Se capisce tutto o quasi siete a cavallo.
  3. Via i tecnicismi di settore se superflui. Se non fossero sostituibili, spiegateli.
  4. Non fatevi ossessionare dalle parole ripetute. Roma è Roma, non fatela diventare la Città della Lupa, la Capitale d’Italia e La città capitolina.
  5. Lo so che siamo tutti eccellenti, eccezionali, efficaci, leader, di successo, innovatori, implementiamo e altro ancora. Ma proviamo a scrivere con parole semplici, che non vuol dire banali.
  6. Individuate una struttura: se parlate delle origini degli anni ’60, poi saltate a oggi, e poi tornate a raccontare di 10 anni fa risulterete faticosi. È una narrazione cronologia: seguitene la logica.
  7. Al di là dello schermo c’è qualcuno: chi è il mio lettore? Che conoscenze ha? Dove leggerà? Quando lo farà? Che cosa vogliamo ottenere? Che sentimenti e aspettative nutre?
  8. Non parlate dell’azienda come se fosse un soggetto terzo: l’azienda non fa, noi facciamo.
  9. Non fate l’errore di voler piacere a tutti.

Come sempre, non regole ma strumenti.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook