28 Marzo Mar 2018 0725 28 marzo 2018

Razzisti e omofobi: neanche i Simpson superano la prova del politicamente corretto

La revisione non risparmia nessuno show degli anni ’90: crollano “Friends” (no neri) e perfino “Will & Grace”. Anche i “Simpson” devono soccombere sotto i colpi della scure pol corr.

063 138963961
VALERIE MACON / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

Guai a rimpiangere gli anni ’90. Allora tutto era bello e sbagliato, almeno secondo quanto dicono alcuni Millennials, che svegliati dal torpore civile, hanno deciso di combattere la propria battaglia contro le trasmissioni della loro infanzia/giovinezza.

Per cui no a Friends: la colpa? Sono tutti bianchi, fanno battute omofobe. No a Sex and the City, riduttivo nei confronti della figura della donna: quattro ragazze sguaiate e sfaccendate. Non si salva nemmeno Will & Grace, che pure ha aperto alla tematica dell’omosessualità: non va bene, è intriso di stereotipi.

L’ultima, inevitabile, vittima della scure di questo pol.corr crepuscolare non potevano che essere i Simpson. Proprio così, quegli omini gialli dall’umorismo finto abrasivo sono omofobi e soprattutto razzisti. Il caso “Abu” (in inglese Apu) è scoppiato nel 2017, ma tiene ancora botta: tutto comincia quando un indiano, dopo almeno una ventina di stagioni, scopre di sentirsi offeso, anzi insultato dalla rappresentazione di Abu, che giudica negativa nei confronti della popolazione indiana. Ne ha fatto perfino un film:

E insomma, tra prese in giro di bidelli scozzesi (in Italia sono sardi) e viaggi intorno al mondo dove sono presenti TUTTI gli stereotipi possibili, anche i Simpson si avviano sul viale del tramonto. Sono nati in un’epoca più crudele e senza dubbio meno attenta. Ma in cui la gente aveva la pelle un po’ meno delicata.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook