9 Aprile Apr 2018 0725 09 aprile 2018

Perché alle Olimpiadi di Tokyo le medaglie saranno riciclate

Gli atleti che vinceranno ai Giochi Olimpici e Paralimpici del 2020 dovranno stare attenti quando, un po’ per gioco un po’ per usanza, si troveranno a morderle

000 1132JY
JAVIER SORIANO / AFP

Tanto conta la gloria. Sarà questo che dovranno pensare gli atleti dei prossimi Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo, nel 2020, quando si troveranno ad addentare le medaglie messe in palio dal comitato olimpico, sì, quelle nuove, fatte di materiale riciclato. Sono cambiati i tempi.

Ora è di moda essere eco-friendly, almeno in Giappone, visto che il comitato olimpico e paralimpico nazionale ha deciso che le 5000 medaglie in palio per gli sportivi, in questa edizione, saranno create dalla fusione delle componenti di telefoni cellulari usati. Non tutte, come è ovvio: ma solo le piccole parti in oro, argento e bronzo. Verrano estratte, smistate, selezionate e poi rifuse.

La raccolta degli smartphone vecchi è già cominciata in tutto il Paese: fuori dagli uffici pubblici, dalla posta e da altri luoghi sono stati predisposti i contenitori in cui abbandonare i telefoni che non funzionano più. L’idea del ministero dell’Ambiente è stata molto applaudita perché rende partecipi tutti i giapponesi e, al tempo stesso, rientra in un piano più ampio di conversione ecologica. Il Paese punta a ridurre le proprie emissioni del 30% entro il 2020 (ce la farà?) e di impiegare l’Intelligenza Artificiale per ridurre gli sprechi. Il problema è serio e così devono essere le soluzioni.

Al momento, però, i tempi stringono: per ora sono già stati raccolti circa 80mila apparecchi, ma occorre arrivare ad almeno otto tonnellate di materiale puro. Ci riusciranno?

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook