10 Maggio Mag 2018 0725 10 maggio 2018

I giapponesi non fanno più figli e rischiano l’estinzione. Il problema è che lo sanno e sono rassegnati

Dal 1982 i dati delle nascite sono sempre meno confortanti. Il problema è che la vita è cara e complicata: avere figli, tra tasse e lavoro, è considerato un privilegio. Suona familiare?

000 M852G
MINH HOANG / POOL / AFP

È così ovvio che, ormai, i giapponesi si sono abituati. Il declino delle nascite del Paese è un problema di vecchia data, sempre più grave e sempre più discusso. Peggio del Sol Levante fa solo Singapore, ma è una magra consolazione: i cittadini sono ormai consapevoli (lo danno per acquisito) che, nel giro di qualche decina di anni, saranno pochi, vecchi e perlopiù maschi.

Secondo le analisi del ministero degli Interni giapponese, al momento ci sono solo 15,53 milioni di giovani sotto i 15 anni. Meno del 2017, in cui si arrivava a 15,7. Va così dal 1982, quando le nascite si sono fermate e hanno cambiato verso. Qualche eccezione (Tokyo, Okinawa) c’è, ma il quadro è fosco. I giapponesi si stanno estinguendo e, a quanto pare, non esiste alcuna soluzione per impedirlo.

“Il Paese non è motivato”, dicono alcuni. Altri rincarano: “Continuiamo ad avere sempre meno figli, ma crescere un figlio in Giappone è molto duro, si pensi solo ai prestiti studenteschi. Ci vogliono 20 per ripagarli e poi, al termine di tutto, sarò troppo anziana per avere figli”. Del resto “avere figli è un privilegio: ogni giapponese deve dibattersi tra le tasse sul reddito, quelle del comune, le pensioni e i pagamenti delle assicurazioni sanitarie. Se non si lavora, l’unica scelta che questo Paese ti concede è il suicidio”. Frasi familiari?

Intanto il Paese sta invecchiando, la forza lavoro si sta indebolendo, le innovazioni latitano. Il Giappone sembra cristallizzato negli anni ’90: nessuna misura viene presa, nessuna iniziativa presentata. Finirà che scompariranno, ma senza far rumore. In puro stile nipponico.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook