18 Maggio Mag 2018 0725 18 maggio 2018

Severi ma giusti: l’arbitro saudita chiede la tangente e viene radiato a vita

Facessero così anche in Italia la situazione delle classifiche degli ultimi campionati, forse, sarebbe diversa. Il Paese mediorientale non ha una passione per la democrazia ma a quanto pare tiene molto al calcio pulito

000 Q550Q
Alexander NEMENOV / AFP

Tutto per un po’ di soldi. La carriera dell’arbitro saudita Fahad al-Mirdasi, designato nel pool dei giudici di gara per i Mondiali di calcio in Russia, è finita. L’uomo ha cercato di estorcere una bustarella al presidente dell’al Ittihad appena prima della finale di Coppa del Re contro l’al-Faisaly, partita che avrebbe arbitrato proprio lui.

Purtroppo le cose non sono andate come sperava. Il presidente Hamad al-Sanayeh non ha accettato l’offerta dell’arbitro e ha, al contrario, segnalato la cosa alla federazione calcistica saudita, fornendo le prove – dei messaggi scritti su Whatsapp – del tentativo di concussione da parte dell’arbitro. Interrogato dagli investigatori, l’ex “arbitro d’oro” dell’Arabia Saudita ha dovuto ammettere il suo tentativo e ha subito l’immediata condanna: radiazione a vita dalla categoria arbitrale, con tanto di divieto ufficiale. Una gloriosa carriera stroncata in pochi minuti.

Ma non è finita: la federazione saudita ora sta facendo pressioni sulla Fifa perché Mirdasi venga espulso anche dal pool di arbitri del Mondiale. È probabile che le richieste di Riyad vengano ascoltate e l’uomo venga squalificato anche in Russia.

L’Arabia Saudita è nota in generale per la sua severità nei provvedimenti di giustizia. A volte in modo eccessivo (un esempio evidente sono le pene corporali, fino alla pena di morte) a volte, come questa, in maniera condivisibile. È una monarchia assoluta che fa affari con il petrolio, bombarda lo Yemen, cerca di diffondere in tutto il mondo la versione wahabita – e retrograda – dell’Islam e, secondo alcuni, finanzia pure il terrorismo islamico. Ma, almeno, può vantare un campionato senza ombre.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook