29 Maggio Mag 2018 0720 29 maggio 2018

Ogni Paese ha i suoi problemi: in Francia, per esempio, si discute se cambiare nome al “pain au chocolat”

Una proposta di una minoranza di parlamentari vorrebbe rendere obbligatoria la denominazione tradizionale delle regioni in cui è nato il dolce. Ci riusciranno?

Delicious Croissant Puff Pastry Chocolate Croissant 3170838

In Italia ci sono crisi istituzionali senza precedenti, in Francia litigano sul nome giusto da dare a un dolce al cioccolato tradizionale. Ognuno ha le sue priorità.

Secondo alcuni parlamentari (di destra) il nome giusto per definire quela simpatica brioscina spugnosa con pezzetti di cioccolato sarebbe “chocolatine”, usato da sempre nella regione sud-occidentale del Paese. Il resto della Francia (e si può dire di tutto il mondo) preferisce invece “Pain au chocolat”.

Insomma, la questione è tutta di orgoglio nazionale-regionale e, a ben guardare, di marketing. La proposta vuole esaltare il “valore del nome tradizionale del prodotto”. La storia “la vede radicata nella regione della Guascogna, è il loro segno di orgoglio”. Del resto, se Macron si batte perché la baguette sia riconosciuta patrimonio dell’Unesco, è lecito che anche qualche parlamentare guascone faccia lo stesso per il suo pain au chocolate – pardon, chocolatine.

Come era da apettarsi, la popolazione francese ha preso poco sul serio questa battaglia identitaria, gastronomica e culturale. E anche il Parlamento – a quanto pare – non la farà passare. Ci sono cose più serie da discutere, dicono, sia in generale che in quell’ambito. C’è da parlare di pesticidi e di telecamere per tutelare il trattamento delle bestie al macello. Per la “chocolatine” ci sarà da aspettare.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook