1 Giugno Giu 2018 1630 01 giugno 2018

La finanza è sempre più “verde”: ecco il nuovo green bond di Eurizon

La società di gestione del risparmio Eurizon, del gruppo Intesa San Paolo, introduce nella propria gamma d’offerta Eurizon Fund - Absolute Green Bonds, il primo strumento istituito da un asset manager italiano che permette di finanziare progetti legati all’ambiente

Green Finance
(Pixabay)

La finanza scommette sul green. La società di gestione del risparmio Eurizon, del gruppo Intesa San Paolo, ha introdotto nella propria gamma d’offerta Eurizon Fund - Absolute Green Bonds, il primo strumento istituito da un asset manager di matrice italiana specializzato sui mercati obbligazionari internazionali che permette di finanziare progetti legati all’ambiente.

L’idea è che la creazione di valore di lungo periodo per i clienti passi anche attraverso l’attività di supporto allo sviluppo di un sistema di imprese valido e sostenibile. Eurizon integra proprio i criteri Esg (ambientali, sociali e di governance) all’interno del processo d’investimento. Un percorso coerente con l’impegno del Gruppo Intesa San Paolo, prima banca nel 2017 a emettere una obbligazione green.

Come funziona? Eurizon Fund - Absolute Green Bonds seleziona i titoli obbligazionari, principalmente investment grade, utilizzando i criteri definiti dai Gbp (Green Bonds Principles) per sostenere la crescita di investimenti con tematiche ambientali green per contrastare i cambiamenti climatici, gestire in modo sostenibile il consumo di risorse naturali, controllare e diminuire l’inquinamento.

«Continuiamo a studiare nuove proposte commerciali caratterizzate dal focus su queste tipologie di investimenti, sia sui mercati azionari che sugli obbligazionari, nella convinzione che la creazione di valore di lungo periodo per i nostri risparmiatori passi attraverso l’attività di supporto allo sviluppo di un sistema economico valido e sostenibile», dice Massimo Mazzini, responsabile Direzione marketing e sviluppo commerciale di Eurizon. «Nella comunità finanziaria cresce la consapevolezza di poter contribuire alla lotta al cambiamento climatico e al miglioramento della qualità della vita. Lo scorso marzo infatti è stato approvato il Commission’s Action Plan for a greener and cleaner economy, il piano d’azione sulla finanza sostenibile della Commissione europea che rientra negli sforzi della Capital Market Union per coniugare la finanza con le esigenze dell’economia europea a beneficio del pianeta e della società».

Tra gli esempi di investimenti, ci sono gli impianti eolici, solari o di energia rinnovabile, i trasporti puliti, i progetti per l‘economia circolare o finalizzati al contrasto al cambiamento climatico. Il comparto green rappresenta una nuova grande opportunità di investimento. E il mercato dei green bond che cresce in misura significativa, grazie a un rinnovato interesse per le tematiche ambientali e alla diversificazione di emittenti e valute. Investire sì, ma con un occhio all’ambiente.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook