19 Giugno Giu 2018 0725 19 giugno 2018

Non è il Truman Show, ma il Villaggio dell’Alzheimer: in Francia nasce la struttura per accogliere e assistere i malati

Riprendendo un modello olandese, anche in Francia è stato creato un villaggio con case, negozi e piccole attività per un centinaio di anziani che soffrono di Alzheimer. Saranno assistiti e studiati

Schermata 2018 06 18 A 21

Potranno girare in libertà, fare la spesa, occuparsi di qualche lavoretto, andare dal barbiere, in palestra e, se si vuole, anche a bersi una birra. Alcuni potranno anche dedicarsi a qualche piccola coltivazione. È il “villaggio Alzheimer” di Dax, in Francia, nel dipartimento di Landes. Un progetto nato su ispirazione di un analogo villaggio olandese (Weesp), costruito per sole persone affette da Alzheimer, in cui i 120 residenti possono vivere una vita tranquilla ma, in realtà, sono seguiti 24 ore su 24, da personale che si prende cura di loro. Una specie di Truman Show per persone affette da demenza?

I più scettici la pensano così. Altri, invece, lodano l’iniziativa. Apprezzano il design, fatto per essere al tempo stesso familiare (riprende i motivi delle fortezze tipiche della regione) e semplice da vivere, sono contenti di sapere che gli anziani si trovano in un ambiente protetto e sicuro. E, secondo alcuni, anche più sano. Non è un mistero la convinzione, spiegata qui dal professor Jean-François Dartigues, professore di neurologia dell’Ospedale Pellegrin di Bordeaux, che in quella struttura gli ospiti stiano meglio che a casa loro. Sono incoraggiati a essere attivi e sociali, a coltivare hobby e a vivere in modo più rilassato. Soprattutto, senza essere di peso ai loro parenti.

Finanziato dalla regione, costa più o meno sette milioni di euro all’anno. Ma il peso per i pazienti è basso: 66 euro al giorno – non è una passeggiata, ma equivale alla cifra spesa nelle case di riposo tradizionali. In più il villaggio è anche una sorta di laboratorio in cui gli scienziati potranno studiare “l’impatto di nuovi approcci terapeutici”, per dirla con il dittor Dartigues. E i risultati, cascata, potranno essere diffusi a beneficio di tutti i malati che non sono ospitati nella struttura

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook